VENAFRO – Successo pieno per gli eventi musicali degli ultimi giorni

VENAFRO. Belle e piacevoli serate d’arte, di canto e di musica a Venafro nell’ultimo fine settimana. Il pubblico della città e dintorni ha gradito tantissimo, affollando gli appuntamenti e tributando ai protagonisti meritatissimi applausi. S’era iniziato sabato alla Dimora Storica Del Prete di Belmonte della sig.ra Dorothy Volpe Del Prete, impagabile anfitrione per la sua ricorrente disponibilità ad aprire la Dimora ed offrire spettacoli ed appuntamenti di varia natura, con la coinvolgente esibizione della show girl partenopea Giò Di Sarno con brani di Gabriella Ferri e le più classiche melodie napoletane. Quindi domenica gran pienone a Castello Pandone con le splendide interpretazioni alla fisarmonica del 26enne Leonardo Prezioso di Spinete (Cb), autentico virtuoso dello strumento nonostante la giovanissima età, nell’ambito  di “Museo in Musica”, appuntamenti d’arte promossi dalla Direzione Reg. per i Beni Culturali e Paesaggistici del Molise, d’intesa con la Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Regione. Si diceva dell’appuntamento canoro alla Dimora Del Prete di Belmonte, promosso dall’associazione “Venafro Antica” : coinvolgenti le interpretazioni della Giò Di Sarno, cover di Gabriella Ferri e, e da applausi le sue riproposizioni dei classici della canzone napoletana. Quindi la serata domenicale a Castello Pandone con la fisarmonica di Leonardo Prezioso : un’ora ininterrotta di virtuosismi dal Barbiere di Siviglia di Rossini alla Mazurka Variata di Migliavacca, dal Grande Valse di Larcange a C’est sì bon di Betti, dal Tango pour Claude di Galliano alla Cumparsita di Rodriquez, da Tico Tico di Abreu al magnifico Libertango di Piazzolla, da Malafemmena di Totò a Tu vuò fa l’americano di Carosone, sino alla libera ed applauditissima interpretazione conclusiva dello stesso fisarmonicista dal titolo “dal Carnevale di Venezia  al … Carnevale di Venezia”. Al termine tutto il Salone delle Cerimonie in piedi per tributare il giusto omaggio al Prezioso, con l’immancabile bis finale di Libertango di Piazzolla e delle rinomate melodie napoletane, accompagnate in sottofondo dal pubblico. In chiusura, da segnalare da parte del personale della Soprintendenza la richiesta a voce alta, presente il pubblico in sala, al Comune di Venafro per la migliore fruizione di Piazza Castello Pandone e delle aree limitrofe, tuttora occupate da interminabili lavori di sistemazione. “Noi facciamo il massimo possibile -asseriva il portavoce dei dipendenti della Soprintendenza per i Beni Storico/Artistici del Molise- per la disponibilità di Castello Pandone ; ci aspettiamo dal Comune di Venafro analogo impegno a favore della collettività molisana”.

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

PUBBLICITà »

Scarica l’App Molise Network »

Pubbilicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

ARCHIVIO »

febbraio: 2014
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
2425262728  
error: Content is protected !!