VENAFRO – Assemblea popolare al Pandone per la ricostituzione di una Confraternita

Blackberries Venafro

VENAFRO. Ricostituire una confraternita: questo il fine dell’assemblea popolare indetta per il 23 marzo presso il castello Pandone di Venafro. I particolari dell’iniziativa in questo contributo (che volentieri pubblichiamo) inviatoci dal collega Tonino Atella:

Si svolgerà presso la Sala Conferenze di Castello Pandone a Venafro l’attesa assemblea popolare in vista della ricostituzione di una delle storiche confraternite cittadine, operative ed essenziali per secoli a Venafro prima di scomparire intorno agli anni ’70. La Soprintendenza Regionale ai Beni Artistici del Molise infatti, nella persona del Soprintendente Daniele Ferrara, ha condiviso l’importanza dell’iniziativa aprendo alla collettività cittadina le porte del maniero medievale. L’assemblea pubblica pro confraternita vi si terrà domenica 23 marzo, a partire dalle ore 10,00, promossa da ”I Venafrani per Venafro” e sostenuta da altre associazioni cittadine e numerosi privati. L’essenza storica delle confraternite : erano un tempo associazioni pubbliche di fedeli della Chiesa Cattolica, il cui scopo peculiare e caratterizzante era rappresentato dall’incremento del culto pubblico, dall’esercizio di opere di carità e penitenza, nonché dalla catechesi non disgiunta dalla cultura. Risalenti all’epoca romana, si evolvono nel corso dei secoli, soprattutto in età carolingia. Nel X sec. ne fanno parte solo ecclesiastici, ma dal sec. XII in epoca comunale assumono veste laicale e sono formate prettamente da laici. Le prime confraternite nascono a Perugia per poi espandersi in tutt’Italia, con prevalente attività ospedaliera a partire dal sec. XIV. Dal sec. XVI, mentre la loro importanza aumenta notevolmente sino a diventare veri centri di potere ed il loro nome deriva dal Santo cui sono dedicate, le confraternite più attive arrivano a fondare ospedali e ricoveri per bisognosi. Venendo all’attualità, il momento caratterizzante ed importante delle confraternite dei nostri giorni (ad Isernia sono tuttora esistenti) è rappresentato dalla partecipazione a processioni per i Santi del luogo, a determinate feste religiose ed ai pellegrinaggi, il tutto non disgiunto da opere di bene ed interventi per i bisognosi, giusta la loro primaria finalità socio/umanitaria. Di questo e tant’altro si parlerà quindi domenica 23 marzo a Castello Pandone di Venafro per verificare i margini di ricostituzione di una confraternita quale essenziale servizio sociale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Pubblicità »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!