VENAFRO – Il bombardamento del 15 marzo 1944 nel ricordo della poetessa Gilda Antonelli

Blackberries Venafro

VENAFRO. Volentieri pubblichiamo questo contributo del collega Tonino Atella, dedicato alla nota poetessa venafrana Gilda Antonelli, tornata a far sentire la propria voce in occasione del 70° anniversario del tragico bombardamento alleato del 15 marzo 1944:

Può capitare di essere apprezzati tantissimo fuori dalle mura amiche. E’ quanto accade all’83enne Gilda Antonelli di Venafro, da una vita appassionata di poesia, la quale è convinta che la vita con lei sia stata più prodiga una volta lontana dalla propria città natale. La donna però non ne fa un problema e, forte dei consensi che nel corso dei decenni le sono arrivati da tante parti, vedi il Circolo Paideia di Cassino e lo scrittore e critico letterario Vincenzo Rossi di Cerro al Volturno (Is), ed in quanto appassionata della sua terra d’origine, Gilda Antonelli -si diceva- ogni anno, ricorrendo la tragedia del 15 marzo ’44, da alle stampe pregevoli pieghevoli in versi e prosa che commemorano il triste bombardamento alleato di 70 anni orsono, celebrando gl’innocenti che vi lasciarono la vita e ricordando l’immane distruzione che investì l’allora piccolo Comune dell’estremo Molise occidentale, Venafro. “Quo vadis Pax” titola l’ultima di tali pubblicazioni, che l’Antonelli distribuisce ad amici e personaggi della cultura per “cantare” la triste mattinata venafrana del 15 marzo 1944 : “Sembrava un dì come gli altri per noi venafrani -iniziano i versi dell’Antonelli che le valsero anni addietro il Premio “Poesia per la Pace” da parte del Circolo Paideia di Cassino- quel 15 marzo del  ’44 ! Invece … tutto accade all’improvviso ! Una squadriglia di bombardieri della 5^ armata americana per un infausto errore  quasi distrusse la nostra città … Tutto fu terrore e distruzione … Da allora tanti anni sono passati però il 15 marzo e sempre alla stessa ora lo stesso sole vorrebbe nascondersi dietro le nubi nere perché non vorrebbe in quell’istante rivedere quell’angolo di mondo ove, per un fatale errore, si abbatté  tale odissea”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Pubblicità »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!