ECONOMIA – Il manager Dante Di Dario aveva preannunciato la “ricetta” di Renzi

Blackberries Venafro

ECONOMIA. La “formula” di Renzi per il rilancio dell’apparato produttivo nazionale era stata ampiamente preannunciata dal manager venafrano Dante Di Dario. Ben lo si evince dal contributo inviatoci dal collega Tonino Atella:

I nostri politici nazionali, gli esperti italiani di economia sono su un altro pianeta in fatto di idee, programmi, conoscenze ed iniziative ? Nient’affatto, se ricordiamo quanto anticipato mesi addietro da un esperto venafrano di economia, il noto manager Dante Di Dario, che ai media regionali diede la propria ricetta per smuovere l’economia e rilanciare il sistema. Il nostro disse tempo addietro esattamente quanto si accinge a fare a giorni il neo Presidente del Consiglio, Matteo Renzi : defiscalizzare le entrate fino a mille euro mensili, ossia stipendi, paghe, compensi e pensioni al di sotto di tale soglia minima non devono incappare in alcun cuneo fiscale, ma finire per intero nelle tasche dei cittadini. “Occorre fare in fretta a rilanciare i consumi -dichiarò all’epoca l’esperto nostrano di economia- rimettendo in moto la macchina dell’offerta e della domanda. Per fare ciò è indispensabile -puntualizzò il nostro- che non si paghino tasse fino a mille euro di entrate mensili. Operai, pensionati, lavoratori e dipendenti che percepiscono somme mensili al di sotto di tale soglia minima non devono essere assoggettati ad imposte di alcun tipo. Nelle loro tasche devono entrare i mille euro per intero, senza alcuna detrazione fiscale. Nelle loro tasche devono entrare mille euro per intero, senza contrazioni di sorta. Solo così si potrà rilanciare l’economia, favorendo la ripresa. In caso contrario non può esserci il rilancio economico tanto atteso. Perciò -concluse Dante Di Dario- niente tasse fino a mille euro di entrate mensili, se si vuole che la gente ritrovandosi in tasca più soldi possa finalmente spendere, investire e far ripartire il sistema”. Il discorso andò oltre, con suggerimenti per far quadrare i conti dello Stato : “Ovviamente le tasse vanno pagate -aggiunse l’uomo- e vanno pagate da chi di denaro ne ha di più, da chi ne riceve tanto sotto forma di pensione, stipendio o altro. Perciò l’urgenza della riforma fiscale, unica strada possibile se si vuole che l’economia italiana rialzi la testa”. A giorni il neo Governo Renzi, stando alle anticipazioni, dovrebbe procedere a tanto su indicazioni di esperti nazionali di economia. Ed ecco la soddisfazione di constatare sintonia e identica lunghezza d’onda tra Governo nazionale ed economisti nostrani, quale positiva conferma di intelligenze e valenze di rilievo anche nella piccola provincia italiana.

Tonino Atella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

PUBBLICITà »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubbilicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

error: Content is protected !!