MONTERODUNI: “Sono sola, senza lavoro, con un figlio a carico e cacciata di casa”

Blackberries Venafro

MONTERODUNI. “Apprendo dalla stampa regionale dell’arrivo di 40 extracomunitari presso una nota struttura alberghiera di Monteroduni. Ora, nel comprendere le ragioni della necessità di prestare soccorso ed assistenza a quanti giungono in Italia perché in fuga dalle guerre e dalla miseria, non altrettanto comprendo le ragioni per cui ai cittadini italiani troppo spesso tali diritti vengono negati”: Questo l’incipit della missiva fatta recapitare alla nostra redazione da una donna residente in un piccolo centro dell’hinterland venafrano, a mezza strada da Isernia. La donna, una 47enne rimasta sola dopo la morte del compagno, denuncia il lassismo e l’assoluto disinteresse delle istituzioni locali e regionali, rispetto alla drammaticità delle condizioni in cui è costretta a vivere.

“Dei miei due figli –rimarca la 47enne- uno è andato a cercare fortuna all’estero, dal momento che dalle nostre parti il lavoro è diventato un miraggio, l’altro è ancora a mio carico, anch’egli in cerca di prima occupazione. Io stessa sono stata licenziata l’ottobre scorso, per cui da diversi mesi nelle casse familiari non entra più un centesimo. A questo si aggiunga che tra qualche giorno saremo sbattuti fuori di casa, essendo scattato a mio danno uno sfratto esecutivo. Alle istituzioni locali, alle quali finora invano e anche in forma ufficiale, ho chiesto aiuto, rivolgo la seguente domanda: quella che sto combattendo giorno per giorno, non è forse una guerra? Vi assicuro che dover sopravvivere senza entrate e con un figlio a carico comporta tante di quelle difficoltà, umiliazioni ed offese alla dignità, che gli effetti sulla psiche e sulla stessa resistenza fisica diventano paragonabili a quelli di una guerra vera e propria. Pertanto –conclude la donna, che ha invano inoltrato regolare richiesta per la concessione di un alloggio popolare- pretendo di essere aiutata, al pari di quegli extracomunitari per i quali, come è giusto, sono state attivate tutte le procedure di accoglienza ed è scattata una vera e propria gara di solidarietà. Oppure dobbiamo convincerci –questo il conclusivo ed amaro sfogo della donna- che essere italiani in Italia significa valere meno di chi viene dall’Africa o dal medio oriente?

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

1 comment on “MONTERODUNI: “Sono sola, senza lavoro, con un figlio a carico e cacciata di casa”

  1. Ezio
    / Reply

    Scusate… ma nessuno che consiglia a questa donna di inoltrare domanda di pensione all’INPS…. vista l’età credo che il marito almeno 5 anni di contributi versati ce li aveva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Pubblicità »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!