CAMPOBASSO – Impegni per il Molise, confronto con il sottosegretario Giovanni Legnini

pasta La Molisana
Smaltimenti Sud
Maison Du Café Venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
ristorante il monsignore venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
eventi tenuta santa cristina venafro

CAMPOBASSO. A latere delle celebrazioni sul 70° anniversario della presa di Monte Marrone promossa dal Comune di Scapoli -questo l’incipit della nota diffusa in mattinata dal vice presidente della Giunta regionale del Molise, Michele Petraroia-, è stato possibile soffermarsi sulla situazione di crisi in cui versa il Molise in un confronto franco e aperto con il Sottosegretario all’Economia e Finanze Giovanni Legnini. È inutile nascondere gli orientamenti nazionali che mirano ad accentrare le scelte di Governo a Roma svuotando i territori di poteri, rappresentanza e risorse.

I recenti tagli introdotti dall’ultimo Decreto su ulteriori 700 milioni a carico delle Regioni e gli obblighi imposti dal pareggio di Bilancio introdotto nell’art. 81 della Costituzione che comporteranno manovre correttive dell’ordine di 20 e 30 miliardi annui per il 2015 ed il 2016, sono state al centro della Conferenza dei Presidenti delle Regioni a cui ho partecipato il 24 aprile a Roma. Gli errori delle classi dirigenti regionali si sommano ad una crisi senza precedenti e determinano una delegittimazione della politica indicata ad arte come unica responsabile del disagio dei cittadini.

Lo sblocco di questa fase porterà al taglio di funzioni e di fondi per i comuni, al completamento della soppressione delle province e allo svuotamento delle regioni con possibile superamento, di fatto o accorpamento delle stesse. In questo contesto crescono le difficoltà dei territori, e diminuiscono gli strumenti a disposizione delle istituzioni locali e delle amministrazioni regionali per fronteggiarli, avallando la campagna aperta da tempo del Corriere della Sera su un nuovo centralismo romano già anticipato da diversi provvedimenti adottati negli ultimi 5 anni da Governi di centrodestra, tecnici e di centrosinistra.

È chiaro che il futuro non è roseo per una piccola Regione come il Molise che conta 310 mila abitanti di cui solo 99 mila occupati, con il 15.8% di disoccupati e alla prese con una crisi connessa con il taglio dei trasferimenti nazionali che bloccano l’edilizia e fermano il terziario, il commercio e le pubbliche amministrazioni. Se a ciò si aggiunge la crisi del tessile e dell’avicolo che in proporzione sono simili se non peggiori di quelle dell’ILVA o delle acciaierie di Piombino, c’è da costruire una risposta istituzionale a tutela del lavoro e dei lavoratori che non può poggiare solo sulle responsabilità degli Enti Locali e della Regione Molise.

Serve un’alleanza forte con il Governo e in particolare con il Ministero del Tesoro, ed il Sottosegretario Legnini che segue le responsabilità del CIPE è un interlocutore importante di questa rete di soggetti con cui condividere un progetto che porti il Molise fuori dalla palude. Questa -ha concluso Petraroia- è la scommessa che passa per il riconoscimento dell’area di crisi, per la stipula di un Accordo di Programma con il Governo simile a quello di Piombino, per una compensazione dei fondi europei 2014-2020 decurtati con i fondi di coesione per politiche nazionali che non poggino sulla convinzione che tutto ciò che è piccolo è inutile, è inefficiente ed è dannoso”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone artigianele natale di caprio
colacem
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
colacem
panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: