VENAFRO – Il Comune è sull’orlo del baratro. Si rischia il dissesto finanziario

mama caffè bar venafro
pasta La Molisana
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
vaccino salva vita

VENAFRO. Il Comune di Venafro sull’orlo del baratro. Da una recentissima nota (30 aprile 2014) della Corte dei Conti, infatti, si evince che sarebbe stato necessario “disporre un supplemento di istruttoria al fine di accertare se gli squilibri finanziari evidenziati in relazione al rendiconto 2011 del Comune di Venafro fossero tali da integrare le condizioni previste dall’Art. 244 del Tuel”.

Al riguardo occorre evidenziare che l’Art. 244 del Tuel (Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali), riguarda le disposizioni generali relative agli Enti locali dissestati: “Si ha stato di dissesto finanziario se l’ente non può garantire l’assolvimento delle funzioni e dei servizi indispensabili ovvero esistono nei confronti dell’ente locale crediti liquidi ed esigibili di terzi cui non si possa fare validamente fronte con le modalità di cui all’articolo 193, nonché con le modalità di cui all’articolo 194 per le fattispecie ivi previste”.

Nonostante le risposte fornite dal Comune di Venafro il 18 febbraio e il 7 marzo di quest’anno, la Corte dei Conti rileva “il perdurante inadempimento in ordine alle misure correttive necessarie a ripristinare gli equilibri di bilancio ed a risanare la situazione finanziaria”.

Non solo, alla luce delle suesposte criticità, i magistrati istruttori ritengono che possano sussistere le condizioni previste dall’Art. 191 comma 5 del Tuel, in base al quale: “Agli enti locali che presentino, nell’ultimo rendiconto deliberato, disavanzo di amministrazione ovvero indichino debiti fuori bilancio per i quali non sono stati validamente adottati i provvedimenti di cui all’articolo 193, è fatto divieto di assumere impegni e pagare spese per servizi non espressamente previsti per legge. Sono fatte salve le spese da sostenere a fronte di impegni già assunti nei precedenti esercizi”.

Dal punto di vista finanziario, quindi, il Comune di Venafro versa in una situazione drammatica. Al riguardo occorre precisare che ben poco del disastro economico venuto a crearsi può essere addebitabile agli amministratori in carica, i quali lo hanno “ereditato” dalle amministrazioni precedenti. Allo stato delle cose, tuttavia, il risanamento dell’Ente (senza passare per il dissesto finanziario) appare davvero difficile.

L’intera vicenda è caratterizzata da un dettaglio quantomeno singolare: il sindaco in carica Antonio Sorbo è venuto a trovarsi nella paradossale situazione di dover porre rimedio, da incolpevole, ad una situazione estremamente complessa, che egli stesso aveva segnalato alla Corte dei Conti quando era all’opposizione in Consiglio comunale!

cubic

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
colacem
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
colacem
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: