MONTERODUNI – Intervista ai profughi: Vogliamo pasti più abbondanti e menù vario

ristorante il monsignore venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
Smaltimenti Sud
eventi tenuta santa cristina venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Maison Du Café Venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
pasta La Molisana

MONTERODUNI. Rientrata la protesta dei profughi ospiti dell’Hotel Holiday di Monteroduni. Il collega Tonino Atella ne ha intervistati alcuni. Chiedono pasti più abbondanti, menù più vario e la corresponsione puntuale della “retta” mensile:

Ne abbiamo incontrato diversi nello spiazzo antistante l’Holiday, l’hotel di Monteroduni che li ospita da quattro mesi, avevano appena finito di cenare ed erano tranquilli, sorridenti dopo la protesta di qualche ora prima. Stiamo scrivendo dei 103 migranti africani che ieri avevano attuato una vibrante protesta sino ad attirare l’attenzione delle forze di Polizia, arrivate sul posto per prevenire fatti spiacevoli. Non si sono verificati comunque incidenti di sorta e i giovani, dai 20 ai 35 anni, hanno tenuto a precisare che era la prima volta che protestavano e lo facevano sia per il ritardo nell’elargizione dei 75 euro mensili e sia per il vitto, considerato esiguo rispetto alle loro esigenze. Così ci siamo intrattenuti a parlare con qualcuno di tali migranti per conoscere più da vicino le questioni da loro sollevate. Quello più disposto a parlare è apparso subito Abdul, 25enne del Mali : “Personalmente sono qui in Molise da quattro mesi -ha esordito il giovane- mentre altri sono arrivati successivamente. Siamo in 103 ed è la prima volta che abbiamo protestato, comunque senza arrecare problemi di sorta”. Perché l’avete fatto ? “Il mangiare che riceviamo è assai ridotto e spesso ci danno solo la pasta. Chiediamo cioè un vitto diverso e più abbondante, essendo giovani ed avendone bisogno”. Mentre parliamo si avvicina altro africano dello Zambia, che ascolta mentre regge in mano un piatto di plastica con wrustel e patatine che sta mangiando probabilmente per cena. E’ buono, chiediamo ? Col capo fa cenno di si, accennando un sorriso. Riprendiamo il discorso un po’ in francese, un po’ in italiano col simpatico Abdul. Il tuo amico -aggiungiamo- dice che gli piace ciò che mangia: e allora ? “Non diciamo che non si mangia bene, ma che è poco e non varia”. E per il resto ? “C’è il problema, puntualizza Abdul, del denaro che aspettiamo da tempo. Ovviamente questo non dipende dall’Holiday”. La protesta è finita ? “Si, perché abbiamo avuto assicurazioni che le cose cambieranno”. Quindi ci salutiamo, incassando i “grazie” di molti di quei giovani africani per l’interessamento al loro caso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
colacem
panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone di caprio
colacem
panettone artigianele natale di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: