CAMPOBASSO – Mai più vittime, stop ai bombardamenti sulla striscia di Gaza: manifestazione in Piazza Municipio

stampa digitale pubblicità black&barry venafro
eventi tenuta santa cristina venafro
DR 5.0 Promozione
pasta La Molisana
Maison Du Café Venafro
ristorante il monsignore venafro
DR F35 Promozione
Smaltimenti Sud

CAMPOBASSO. “La pace non può essere ottenuta attraverso la violenza, la si può raggiungere solo attraverso la reciproca comprensione”. Post del genere da giorni invadono le bacheche dei social network e dei cartelloni pubblicitari. La guerra tra Israele e Gaza, divenuta più intensa nell’ultimo periodo, si sta guadagnando le prime pagine dei giornali.

Ad oggi, non si riesce a risalire ad una motivazione ben precisa per quanto riguarda l’intensificazione dei bombardamenti in tali zone, pare che tutto sia stato generato dal rapimento e dall’uccisione di tre ragazzini israeliani in Cisgiordania. Le autorità israeliane hanno accusato del fatto Hamas, partito-milizia estremista di Gaza, e lanciato una serie di operazioni contro le basi del movimento (soprattutto quelle in Cisgiordania, non a Gaza). Quando i corpi dei ragazzi sono stati ritrovati senza vita, il 30 giugno, in un terreno appartenente a una famiglia vicina ad Hamas, alcuni si aspettavano una risposta su vasta scala di Israele, una campagna aerea contro Hamas simile a quella che stiamo vedendo in questi giorni. Nella settimana successiva al ritrovamento dei tre corpi, invece, l’esercito israeliano ha lanciato una serie di operazioni contro Hamas senza però avviare una campagna su vasta scala. Dal canto suo Hamas ha risposto intensificando il lancio di razzi, lunedì 7 luglio. A quel punto l’esercito israeliano ha lanciato “Protective Edge.”

Oltre 500 i morti provocati da questi bombardamenti, per la maggior parte si tratta di cittadini palestinesi. Se il numero di vittime israeliane, invece, è tendenzialmente basso, è soprattutto per il sistema di difesa Kipat Barzel/Iron Dome; si tratta di batterie di missili che intercettano i razzi facendoli esplodere in volo. Importante sottolineare però che il fosforo di bario che Israele mette nei missili con cui colpisce i palestinesi provoca malattie fisiche immediate soprattutto ai più piccoli.

Sofferenza, povertà, disperazione e agonia per chi sta perdendo la propria casa, la propria terra e la propria famiglia, proprio come quest uomo nella foto che ha perso i suoi quattro figli sulla spiaggia di Gaza.

padre a Gaza

 

Il Governo italiano, l’Unione Europea e la comunità internazionale devono adoperarsi immediatamente per la cessazione di ogni azione militare da parte del governo israeliano nella striscia di Gaza e nei territori occupati. Allo stesso tempo va fermato il lancio dei missili contro il territorio israeliano.

Anche Campobasso non rimane in silenzio di fronte all’attacco militare messo in atto da Israele sui civili palestinesi. Si terrà, infatti, oggi pomeriggio (21 luglio) a partire dalle ore 18.30 un sit- in piazza Municipio promosso da una rete di associazioni, sindacati e partiti politici e aperto a nuove adesioni.

Strade gremite di gente, quindi, nel capoluogo di regione per la manifestazione della pace, tutti con un solo obiettivo: “Stop al fuoco e alla guerra”.

Un appello viene fatto anche al Governo italiano affinchè esso possa interrompere la fornitura di armi, munizioni e sistemi militari. Un grido di speranza da una piccola regione in supporto alla pace.

striscia di gaza

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
Futuro Molise
colacem
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
Futuro Molise
panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: