LIMOSANO – Recupero del centro storico del paese, antica sede vescovile

Blackberries Venafro

LIMOSANO.  «E’ La bellezza del centro storico, paese nel paese, che richiede una particolare consapevolezza collettiva, ecclesiale (con le due Chiese, di santo Stefano e di santa Maria), culturale – civile – amministrativo. Occorre, qui, che l’Armonia si faccia intesa e collaborazione, ben articolate, per passi concordati tra Chiesa – Comune – Cittadini. Era la Diocesi.» Da queste parole espresse dall’arcivescovo di Campobasso –Bojano S.E.  mons. GianCarlo Bregantini, qualche mese fa, a conclusione della visita Pastorale nel comune di Limosano (CB) gli abitanti del piccolo borgo di 800 abitanti  hanno avviato un progetto di recupero,  dopo i danni causati dal terremoto del 2002. Dalla proposta del “recupero” alla realizzazione di un progetto unitario coordinato con il comune  di Limosano, le realtà associative, la Regione Molise, in collaborazione con l’UNIMOL.

Nel cuore del Sannio – a Limosano questo pomeriggio, 19 agosto 2014,  alle ore 18,00 il centro storico, compresa l’antica Cattedrale dedicata a santa Maria, sarà inaugurato alla presenza del Vescovo, del Parroco don Nico De Candia e delle Autorità civili e militari.

Seguirà una processione con preghiera conclusiva all’ingresso della Chiesa del borgo che dovrà essere ristrutturata con la speranza ed il contributo di tutti. «Bello se il disegno di recupero si fa insieme.  Ma non vi sia né speculazione, né rifugio nel privatistico. Qui e tutti!»  – nell’input del vescovo Bregantini come risveglio alla coscienza collettiva  e  richiamo incisivo alla bellezza dei centri storici dei paesi del Molise  contrassegnati da vestigia di antica cristianità.

Un gesto simbolico per sensibilizzare alla “custodia” recuperando “quelle pietre” che ne hanno fatto la storia. Limosano dunque  sede di antica diocesi. E lo si deduce dal portale del 1755  che reca  la scritta  “Archiepiscopus Limosanorum” di un  vescovo del tempo che Limosano è stato un importante comune, nel cuore del Sannio, sede vescovile nel XII secolo. Le tante realtà di un paese diventano “bellezza” se il popolo le mette insieme in armonia, con stima  reciproca come  suggerisce il metropolita di Campobasso. Il borgo, lasciato come peso ai limosani,  soprattutto le due Chiese, santo Stefano e santa Maria, sepolcrato con l’antico illustre e nobilissimo dei vescovi cuore della grande, solenne, bella Chiesa di santa Maria, quasi “Cattedrale”, sono oggi  il “valore nuovo della rinascita del borgo”, uno tra i tanti più bei borghi d’Italia da custodire e far conoscere.

Limosano da “Limus-Satus” cioè Limo fecondo. Il paese, in provincia di Campobasso, vanta origini altomedievali. In epoca longobarda dipendeva dalla Contea del Molise.

Il palazzo Marchesale , di epoca medievale, posto su una rupe, era la casa dei nobili, ed è adiacente la Chiesa di Santo Stefano protomartire. Nell’insieme l’abitato costituisce un buon esempio di architettura dell’ultimo scorcio del secolo XII.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Pubblicità »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!