CAMPOBASSO – Petraroia racconta la forza di quattro donne molisane nel Mondo

Blackberries Venafro

CAMPOBASSO. Il coraggio di Lella, la passione di Nadia, la lucidità di Maria Pistilli e la competenza di Maria d’Andrea, di seguito le parole di Petraroia, per queste donne, vero emblema di forza molisana nel mondo

Luigi sognava di tornare a Castellino del Biferno per il 25° anniversario di nozze, ma le onde dell’Oceano lo hanno inghiottito mentre si apprestava a partire. Sua sorella, dopo aver pianto insieme a mille amici e parenti, nel mentre si affidavano i fiori alle onde, ha lasciato Adelaide insieme alla figlia Daniela ed è venuta a Castellino per abbracciare le zie ed i cugini rimasti sgomenti per un evento inaspettato. Ho incontrato Lella giovedì sera solo per stringerle la mano, guardarla negli occhi e riconoscergli un coraggio silenzioso che solo i molisani sanno esprimere.

Maria Pistilli il 12 settembre festeggerà 106 anni  in un angolo di mondo stretto tra l’Oceano Pacifico, San Francisco e Vancouver, dove arrivò nel 1948 da Santa Maria delle Macchie di Vinchiaturo. Nata nel 1908, conserva una lucidità impressionante e lo scorso anno affidò ad una pronipote recatasi negli Stati Uniti un messaggio di sprone indirizzato ai molisani. Gli ho augurato buon compleanno ringraziandola per una testimonianza di attaccamento alle origini di rara bellezza.

Nadia mi è piombata addosso questa mattina insieme ad un suo collega consigliere comunale di HERSTAL città belga di 40 mila abitanti di cui almeno 2 mila di Castelmauro come lei. Milita nel Partito del Lavoro Belga e voleva scambiare delle opinioni con un amministratore di sinistra. Mi ha parlato dell’austerità delle politiche europee, delle lotte operaie e delle fabbriche che licenziano nel Belgio e del suo partito il PTB che ha eletto per la prima volta consiglieri regionali nella Vallonia e provinciali a Liegi. Una passione politica irrefrenabile nata in famiglia con entrambi i genitori iscritti al PCI e lei che dal 2000 è consigliere comunale ad HERSTAL.

Maria D’Andrea in questi giorni  è in Vietnam per lavoro. Il papà è originario di Roccamandolfi, lei tra le altre cose collabora con lo staff del Presidente degli Stati Uniti  ed è Presidente dell’Associazione Molisana di Washington con una tempra ferrea, propria delle donne della nostra terra. Ha tanti impegni ma ciò non gli ha impedito di indirizzare un contributo scritto per il Consiglio dei Molisani nel Mondo del 3 e 4 luglio scorso a conferma di un legame indissolubile.              

Quattro storie apparentemente diverse che hanno in comune l’origine del Molise, Castellino del Biferno, Vinchiaturo, Castelmauro e Roccamandolfi, e che ci confermano la forza straordinaria, la 

capacità individuale, la passione, la lealtà ed il coraggio, che il nostro territorio è in grado di esprimere. Sconfiggiamo il grigiore esistenziale e la tristezza di cui ci ha ammonito Papa Francesco il 5 luglio alzando lo sguardo su ciò che il Molise riesce a fare da Adelaide al Belgio, e dall’Oceano Pacifico alla Capitale degli Stati Uniti passando per il Vietnam.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Pubblicità »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!