VENAFRO – Serpenti ed altri animali selvatici nella folta vegetazione del Rava. La dura protesta dei cittadini

Blackberries Venafro

VENAFRO. Serpenti ed altri animali selvatici trovano riparo nella folta vegetazione del Rava. Protestano i cittadini, che chiedono a gran voce l’intervento del Consorzio di Bonifica della Piana di Venafro. Ce ne riferisce il collega Tonino Atella:

Siamo ormai al panico ! Giusto ieri l’ennesimo episodio vissuto da un professionista residente lungo gli argini del torrente Rava di Venafro, il quale ha invitato Michele D’Agostino, componente la deputazione del Consorzio di Bonifica di Venafro, a verificare coi propri occhi quanto accadeva. E’ lo stesso amministratore consortile a raccontare il tutto : “Sono stato chiamato da un amico spiega l’uomo- che vive con la propria famiglia lungo il torrente, per farmi vedere una delle tante conseguenze della mancata rimozione della fittissima vegetazione spontanea lungo gli argini del Rava ed ho visto un enorme serpente nero, lungo oltre due metri, che emetteva sibili fortissimi e che restava attorcigliato tra l’erba altissima. Abbiamo cercato di catturarlo, ma era decisamente spaventoso. Pochi minuti e l’animale è scomparso nelle acque del torrente. Uno spettacolo raccapricciante a pochi metri dall’abitazione del professionista”. Le dichiarazioni del diretto interessato, il residente del Rava : “ Non è il primo caso del genere -spiega questi- tanto che viviamo tra paure e preoccupazioni. Per evitare di ritrovarci simili animali in casa, abbiamo trascorso l’intera estate tappati dentro, senza aprire porte, balconi e finetre. La mia famiglia comunque ha paura, è letteralmente terrorizzata, per cui chiedo al Consorzio di Bonifica di Venafro, certamente responsabile degli argini del torrente, di ripulire le aree a lato di tali acque, restituendo a tutti noi residenti sicurezza e tranquillità. Non si può far finta di nulla, mentre tanti cittadini vivono tra paure e pericoli reali !”. Il fatto di cronaca e le dichiarazioni dei diretti interessati le giriamo pari pari all’ente di bonifica venafrano perché s’intervenga a risolvere nel breve una situazione decisamente delicata ed allarmante che interessa numerose decine di famiglie venafrane, e quindi centinaia di persone, alle prese coi guai (questi e tant’altri) derivanti dalla mancata rimozione della fittissima vegetazione ai lati del Rava e quindi dalla pulizia degli argini del torrente venafrano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Pubblicità »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!