CRONACA – Evade, i Carabinieri lo arrestano e la magistratura gli riconcede i domiciliari

Blackberries Venafro

CRONACA – Nella tarda serata di ieri, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Bojano, unitamente ai militari della Stazione di Torella del Sannio, hanno tratto in arresto un 25enne (L.S.). Il giovane, già agli arresti domiciliari per tentato omicidio (reato commesso presso un night della zona lo scorso 2 maggio), nella notte tra domenica e lunedì,  dopo aver manomesso il braccialetto elettronico per il monitoraggio della posizione, si era allontanato dal domicilio, rendendosi irreperibile.

Venivano, pertanto, immediatamente avviate le ricerche dell’evaso, anche in ambito nazionale e, dopo un giorno di indagini l’evaso veniva rintracciato nei pressi della sua abitazione di Molise, in provincia di Campobasso. Veniva così tratto in arresto e trattenuto presso la camera di sicurezza della Compagnia Carabinieri di  Bojano. In data odierna si è celebrato il rito direttissimo, a seguito del quale la magistratura ha vanificato il lavoro svolto dai Militari dell’Arma, concedendo al 25enne di nuovo gli arresti domiciliari. Eppure si tratta di un potenziale assassino, un individuo che ha tentato di uccidere una donna a coltellate.

Il fatto di cronaca ebbe a verificarsi ai primi di maggio, nei pressi del bivio per Petrella Tifernina, dove una 26enne di origini rumene (ballerina presso un night club ubicato sulla Bifernina), venne aggredita e accoltellata al torace proprio da L.S., che ne aveva atteso l’uscita dal locale. Soccorsa dagli operatori del 118, la ragazza venne trasportata d’urgenza al “Cardarelli” di Campobasso, dove subì un delicato intervento chirurgico. L’aggressore venne fermato dagli uomini dell’Arma e posto ai “domiciliari”. Due giorni fa la fuga, poi il fruttuoso impegno dei Carabinieri, che lo hanno prontamente rintracciato. Stamattina, infine, il processo e la sconcertante decisione del magistrato, che ha “premiato” l’evaso riconcedendogli i domiciliari.

Una vicenda emblematica, perfetta metafora di uno Stato allo sbando, che usa i “guanti di velluto” con i “carnefici” e costringe le vittime a vivere nel terrore.

cubic

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Pubblicità »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!