VENAFRO – La Polizia di Stato recupera sulla A1 “oro rosso” rubato lungo la linea ferroviaria Venafro/Rocca d’Evandro

Blackberries Venafro

VENAFRO – La scorsa notte una pattuglia della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino, durante i servizi di vigilanza autostradale, nota un’auto sospetta, con a bordo due uomini, in transito nel tratto ricadente nel comune di Mignano Montelungo. Gli agenti decidono di effettuare un controllo attivando i dispositivi acustici e visivi di emergenza per il fermo dell’auto in sicurezza.

Per tutta risposta il conducente del veicolo dopo aver arrestato bruscamente la marcia lo lascia in mezzo alla corsia e si da alla fuga insieme al suo compagno di viaggio. Gli operatori di polizia a quel punto danno la priorità all’incolumità degli automobilisti in transito spostando immediatamente l’auto dalla sede stradale, scongiurando in tal modo il verificarsi di incidenti.

E’ nell’abitacolo e nel portabagagli della macchina che i poliziotti trovano le ragioni della precipitosa fuga dei due uomini: cavi elettrici di rame di varie sezioni e dimensioni, occultati con delle coperte. I successivi accertamenti sul veicolo hanno consentito di accertare che in precedenza lo stesso era stato sequestrato al proprietario, di origini partenopee, perché non coperto da assicurazione.

Le prime verifiche sui furti di rame, denunciati nelle ultime ore, hanno permesso di verificare che quasi certamente si tratta dei cavi asportati nella scorsa notte sulla linea ferroviaria Venafro/Rocca d’Evandro, tenuto conto della quantità e della tipologia del materiale asportato. Serratissime indagini sono in corso per risalire all’identità dei corrieri di “oro rosso” fuggiti.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

PUBBLICITà »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!