ISERNIA – Iniziato, per impegno del Centro Turistico Acli, il corso per apprendere l’antica arte del tombolo

Blackberries Venafro

ISERNIA – La remota origine e la delicata lavorazione delle trine a tombolo sono i fattori essenziali che contribuiscono a far conoscere e stimare ancora oggi questa preziosa arte. Per diversi anni il tombolo a Isernia è stato anche parte del percorso didattico degli allievi dell’istituto artistico della città. Oggi, però, soltanto poche donne sono in grado di lavorarlo. Ecco perché diviene necessario mettere in campo iniziative che promuovano la pregiata lavorazione.

Il Centro Turistico Acli, attivo nell’ambito della valorizzazione delle attività produttive locali e tipiche, consapevole del potenziale di quest’arte, ha inteso realizzare un percorso formativo nel quale la lavorazione delle trine al tombolo possa essere insegnata e divulgata.
Il corso, che ha preso il via mercoledì 5 novembre e si terrà ancora il 12, 19, 26 novembre e 3 dicembre, dalle ore 15 alle ore 17, presso la sede del Museo Civico di Isernia, in piazza Celestino V, ha il duplice obiettivo di preservare la tradizione, creando nuove opportunità professionali.

Si tratta del primo step formativo, destinato alle principianti, nel quale verrà impartito l’insegnamento delle seguenti lavorazioni: la trina di base; la curva; la legatura; la coppia esterna; la mezza coppia; l’abb’rrite e il fiore. Il completamento di questo primo momento di formazione consentirà di accedere a un corso amatori, durante il quale si perfezioneranno le tecniche apprese e nuove lavorazioni saranno introdotte, tra cui la possibilità di realizzare gioielli al tombolo.

Lo step finale, corso professionisti, sarà invece dedicato all’apprendimento del tombolo antico, che pochissime donne oggi sanno realizzare e che rappresenta la lavorazione di maggior pregio nell’arte del tombolo. La docenza è affidata all’esperta merlettaia isernina Maria Caruso. Nata a Isernia nel 1958, la maestra d’arte discende da una famiglia che per generazioni ha lavorato il merletto a tombolo. A Isernia nel 2005, in Vico Ciro Marilli (di fronte al municipio), Maria Caruso ha, tra l’altro, allestito una mostra privata permanente, dedicata alla pregiata arte, che oggi vanta migliaia di visitatori provenienti da ogni parte del mondo. La mostra, anche accessibile da parte di visitatori non vedenti grazie all’audio-descrizione, si articola in una sezione fotografica, una sezione dedicata agli attrezzi da lavoro (vi sono esposti tomboli, fuselli e ‘scannetti’ secolari) e una sezione espositiva di merletti. 

“Abbiamo la responsabilità morale di difendere e preservare il patrimonio culturale che non è certo scisso dalle tradizioni artigianali e artistiche del nostro territorio – ha dichiarato Maria Caruso. – Non possiamo più rimanere in attesa che siano le Istituzioni a portare avanti determinate iniziative, siamo tutti consapevoli delle difficoltà che gli Enti pubblici oggi vivono. Occorre darsi da fare, rimboccarsi le maniche ed essere propositivi. Questo è lo spirito che anima tutti i soci-volontari del Centro Turistico Acli di Isernia”.

Tra le allieve del corso, una giovane donna di Roma, Daria Calzetta, che nell’estate appena trascorsa ha usufruito di uno dei servizi turistici organizzati dal Centro Turistico Acli nella città di Isernia, venendo così a conoscenza dell’opportunità di imparare il tombolo. “Vale la pena percorrere oltre 200 km per venire a Isernia ad apprendere un’arte così antica e così pregiata – ha dichiarato l’aspirante merlettaia che da subito ha palesato una buona capacità manuale. – C’è molta sintonia tra tutte noi che frequentiamo il corso, siamo animate da grande entusiasmo. La maestra merlettaia ha un’ottima capacità comunicativa e riesce a trasmettere le tecniche di lavoro, infondendo in noi la grande passione che la anima”.

Barbara Avicolli

tombolo merletto 2

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Pubblicità »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!