CAMPOBASSO – Beccato dalla Polizia il writer “Pensa”, noto “imbrattatore” seriale

Maison Du Café Venafro
pasta La Molisana
eventi tenuta santa cristina venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
ristorante il monsignore venafro

CAMPOBASSO – La  Polizia di Stato  mette fine alle attività del  writer  che negli ultimi tempi, con  la sua inconfondibile firma   “Pensa”,   ha imbrattato numerosi muri di Campobasso.

Tali reiterati imbrattamenti hanno provocato l’indignazione dei cittadini che,  in più occasioni,  hanno manifestato il proprio disappunto  anche  con lettere di protesta pubblicate sui quotidiani locali.

Pronta  la risposta della Questura, che  nel pomeriggio di ieri ha sorpreso in flagranza  il responsabile proprio  mentre  stava  imbrattando alcuni muri di un centro commerciale di Campobasso.

Al riguardo,  la Squadra Volante intervenuta sul posto  fermava  un  giovane ventenne  molisano,  rinvenendo all’interno di uno zaino in suo possesso  diverse bombolette spray.

Il giovane,  pertanto,  veniva accompagnato  negli Uffici della Questura  ove,  espletati i rilievi fotodattiloscopici e tutte  le formalità di rito,  è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria  per il reato di danneggiamento aggravato.

Sono in corso ulteriori accertamenti volti a confermare la riconducibilità alla persona denunciata delle altre scritte  murali a firma  “Pensa”  presenti in città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone artigianele natale di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
colacem
panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: