VENAFRO – Lo scrittore Tonino Atella: “Come sembrano lontani tempi in cui gli zampognari portavano la novena natalizia nelle case dei molisani”

eventi tenuta santa cristina venafro
pasta La Molisana
ristorante il monsignore venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
Smaltimenti Sud

VENAFRO – Sembra trascorso un secolo ed invece è giusto ieri. Ci riferiamo ai tempi in cui -la cosa avveniva dalle nostre parti sino alla fine degli anni ’60- coppie di zampognari delle Mainarde -uno suonava la zampogna l’altro la ciaramella- giravano per i paesi del Molise suonando alle case dei molisani la tipica, caratteristica, attesissima dai più piccoli e bellissima “Novena di Natale”. Suoni e canti melodiosi, indimenticabili che dall’8 dicembre e sino al primo pomeriggio del 24 dicembre allietavano orecchie, animi, bambini, fanciulli, nonni, vicoli, piazzette ed abitazioni private dei centri storici di quasi tutti i Comuni molisani grazie appunto agli zampognari di Scapoli, Castelnuovo, Cerro al Volturno, Rocchetta e loro frazioni che nel periodo raggiungevano tanti Comuni della loro stessa regione -da Venafro ad Isernia, a tant’altri centri- per portare quasi tutte le sere i suoni, le melodie e l’atmosfera tipica del Natale coi canti, gli strumenti e i cori tipici dei monti dell’interno, Le Mainarde. Un’autentica festa che durava giorni, settimane e che preparava realmente alla Natività. Ne erano soddisfatte le famiglie che avevano accettato, dietro un modesto compenso, che gli zampognari portassero loro la novena serale, ne erano soddisfatti tali cantori e musicisti, orgogliosi per l’accoglienza ogni volta loro riservata. Venivano accolti nelle abitazioni con tantissimo piacere, li si aspettava di vero cuore, la donna di casa offriva loro ogni volta un buon bicchiere di vino e qualcosa da mettere nello stomaco e con gli anni divenivano addirittura familiari. Erano i tempi in cui i rapporti tra le persone erano tutt’altro che oggi, la delinquenza era qualcosa di praticamente sconosciuto e dentro casa si stava tranquillamente “con le porte aperte”. In tale contesto i carissimi zampognari di Castelnuovo, Scapoli, Rocchetta ect. trovavano massima e piena disponibilità, riuscendo con le “Novene di Natale” portate in giro per il Molise a vivere e campare famiglie e genitori. Tra i tanti, ricordiamo “ zi’ Men’cuccie’ “, “ Mingo “ ed altri ancora, che il tempo non cancella affatto. Soprattutto il secondo, “ Mingo “, era tipo assai intraprendente e socievole ; negli ultimi anni delle sue “tourné”, lo ricordiamo sulla scalinata di “Trinità dei Monti” a Roma suonare per romani, turisti e stranieri, assoldato dalla Provincia di Roma. Ed ogni anno per il buon “ Mingo “ e la sua spalla era un autentico successo di consensi e ricavi nella Capitale, essenzialmente per il piacere di divertirsi e far divertire, e con la soddisfazione di ricevere ogni sera un mare di applausi, raccogliendo un sacco di soldi ! Oggi, terzo millennio in corso, i nostri zampognari hanno lasciato giocoforza il Molise per raggiungere nel periodo prenatalizio le maggiori città del centro/nord d’Italia, da Roma a Firenze, a Bologna ect., dove suonare, rallegrare e portare suoni, canti ed atmosfera del Natale tra quelle popolazioni. Il perché del cambiamento di abitudini e sedi è presto detto : hanno necessità i nostri zampognari di portare soldi a casa, in effetti è questo il loro unico lavoro invernale, e non possono permettersi di girare praticamente a vuoto tra i semispopolati paesi del Molise interno col rischio di tornarsene a casa con le pive nel sacco, ossia quasi con niente. Anche questo sta contribuendo purtroppo progressivamente a spopolare il Molise e ad appiattire vita ed interessi dei molisani in un regione impoverita sotto molteplici aspetti. Ed allora non resta che consolarci e sorridere col ricordo dei nostri carissimi zampognari in giro per i nostri paesi, a divertire piccoli, adulti ed anziani con gl’intramontabili suoni della tradizione popolare. E speriamo che prima o poi tornino … !

Tonino Atella

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone di caprio
pasticceria Di Caprio
Maison Du Café Venafro
colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
Futuro Molise

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
pasticceria Di Caprio
colacem
Maison Du Café Venafro
Futuro Molise

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

Aziende in Molise »

  • Maxi affari

    MAXI AFFARI

    by on
    Maxi affari srls SS85 Venafrana, 25+600 86077 Loc. Trivento Pozzilli (IS) © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Bar il Centrale Venafro

    BAR IL CENTRALE

    by on
    Bar il Centrale Corso Campano, 34 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 904280 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • power car officina meccanica venafro

    POWER CAR

    by on
    Power Car srls SS 85 Venafrana, 10 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 900951 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • ASSIKURA ASSICURAZIONI

    by on
    Assikura assicurazioni di Siravo Fabrizio Via Alessandro Volta n. 4, 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 250669 Cell. 335 1550250 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Forte Carni E Salumi La Porchetta

    FORTE CARNI E SALUMI LA PORCHETTA

    by on
    “Forte” Carni E Salumi La Porchetta Via Atinense, 86077 Pozzilli (IS) Telefono 371 3358072 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • La Taverna di Camillo

    LA TAVERNA DI CAMILLO

    by on
    La Taverna di Camillo Via Maria Pia di Savoia, 125 – 86079 Venafro (IS) Telefono 342 1267431 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • DIMENSIONE SPORT

    by on
    Dimensione Sport Corso Campano, 173 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 902217   © RIPRODUZIONE RISERVATA
error: