ISERNIA – Ivan Forte di Forza Italia: “Con Renzi l’economia italiana tra disoccupazione e deflazione retrocede al 1959”

stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana
mama caffè bar venafro
vaccino salva vita
Smaltimenti Sud

ISERNIA – Si apre il nuovo anno e nonostante il Governo Renzi si accinga a festeggiare tra poco più di un mese  il primo compleanno dalla sua nascita i risultati positivi introdotti dalle misure politiche innovative tanto decantate dal creatore del “Cambia verso” sono ben lungi dal portare risultati economici tangibili.

In effetti Renzi, non contento di aver iniziato il nuovo anno con una  pericolosa retromarcia fatta su uno dei pochi provvedimenti utili approvati in materia fiscale, quello sulla franchigia del 3% sul totale da versare per Iva e Ires, prevista dal decreto legislativo sui rapporti tra fisco e contribuente approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 24 dicembre e stoppata pochi giorni dopo con un abile colpo di teatro che congela la questione fino alla nomina del inquilino del Quirinale, cosa che lascia spazio ad illazioni e a dietrologie cospiratorie della peggiore Prima Repubblica, nella calza dell’epifania ci consegna le inquietanti notizie pubblicate dall’Istat sulla disoccupazione.

Un gelido vento di tramontana che, in barba ai cinguettii ottimistici del Premier rottamatore, ha spazzato via tutti i timidi segnali positivi certificando la chiusura del 2014 in piena emergenza lavoro per il nostro Paese.

Un tasso di disoccupazione che  ha raggiunto quota 13,4%, in aumento di 0,2 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,9 punti nei dodici mesi. Rispetto ad ottobre, sono andati in fumo 48mila posti: il tasso di occupazione, pari al 55,5%, diminuisce così di 0,1 punti percentuali.

Scenario diametralmente opposto, invece, in altri Paesi della zona Euro in particolare in Francia ed in Germania, dove la disoccupazione è scesa al minimo storico cosi come il numero dei senza lavoro, segno tangibile che la crisi, con adeguate misure di politica economica, può essere affrontata e superata.

Renzi dice che serve tempo affinché gli effetti del Job Act si trasformino in posti di lavoro.

Noi possiamo semplicemente constatare che dall’ultimo governo Berlusconi, di cui la sinistra chiedeva le dimissioni contestandone le misure economiche ad oggi, la disoccupazione, grazie alle azioni adottate da tre governi non eletti dai cittadini, e’ passata dal 29 al 44%.

E’ il momento di finire i proclami ed assumersi le conseguenze di scelte tanto demagogiche quanto fallimentari che non possono essere archiviate con un banale, l’ennesimo, tweet o dichiarazioni di circostanza.

 

 

Dott. Ivan Forte

Coordinatore provinciale Forza Italia Isernia

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: