LIBIA – L’Isis minaccia: “Siamo a sud di Roma”. Chiusa l’ambasciata a Tripoli, rimpatriati gli italiani

mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
vaccino salva vita
pasta La Molisana

LIBIA – E’ scattata l’operazione rimpatrio per gli italiani residenti in Libia: mentre la nostra ambasciata a Tripoli è stata chiusa per il deteriorarsi della situazione”, i nostri connazionali, più di 50, sono rientrati via nave approdando ad Augusta. Intanto l’Isis ha diffuso online un video, intitolato “messaggio firmato con il sangue alla Nazione della Croce”, con decine di persone decapitate in Libia, e minaccia l’Italia: “Siamo a Sud di Roma”.

“Le bandiere nere dell’Isis sono già a Tripoli, si vedono sventolare dalle macchine che si aggirano nella città . La situazione è gravissima”. E’ l’allarme lanciato da fonti libiche vicine al governo di Tobruk, riconosciuto dalla comunità internazionale. La vecchia Capitale è oggi guidata dalle milizie filo-islamiche di Fajr Libya, che hanno preso il sopravvento imponendo un governo “parallelo”, guidato da al Hassi, vicino ai Fratelli musulmani.

L’Isis ha diffuso online un nuovo video dal titolo “Un messaggio firmato con il sangue alla Nazione della Croce”, che mostra la decapitazione di “decine di persone” in Libia: probabilmente si tratta dei 21 egiziani copti rapiti proprio in libia tra dicembre e gennaio, dei quali era stata annunciata l’esecuzione nei giorni scorsi. Nel messaggio, secondo quanto riferisce il Site (il sito americano di monitoraggio dell’estremismo islamico in rete), ci sono anche minacce all’italia: oltre al riferimento alla “nazione della Croce”, si dice esplicitamente che “prima ci avete visti su una collina della Siria. Oggi siamo a sud di Roma… in Libia“. Il video contiene minacce anche per gli americani: mentre scorrono immagini del mare insanguinato dai corpi degli egiziani copri decapitati, compare il messaggio “Avete buttato il corpo di Osama bin Laden in mare, mischieremo il suo sangue con il vostro”

Tecnici d’azienda, marittimi, gente che ha lasciato temporaneamente l’Italia per un periodo più o meno lungo, ma anche famiglie che praticamente da sempre vivono a Tripoli, o in altre città, e che non hanno abbandonato il Paese neppure nei momenti più duri della guerra contro Gheddafi. Sono loro il centinaio di italiani rimpatriati, in fuga dal caos e dalla minaccia dell’Isis. L’imbarcazione con a bordo i nostri connazionali è arrivata poco dopo la mezzanotte nel porto di Augusta, in Sicilia. la nave, il catamarano “San Gwann”, della compagnia Virtu Ferries, è stato scortato da una nave militare spintasi a ridosso delle coste libiche, con un Predator dell’Aeronautica militare, un velivolo “a pilotaggio remoto” decollato dalla base del 32° Stormo dell’Aeronautica di Amendola, in Puglia, ha tenuto d’occhio la situazione dall’alto.

Fonte: notizie.virgilio.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: