ISERNIA – Politica economica della Bce, il Molise si attivi per ricevere ingenti risorse. Tedeschi: sarebbe grave lasciarsi sfuggire una simile opportunità

stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
eventi tenuta santa cristina venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
ristorante il monsignore venafro
Maison Du Café Venafro
pasta La Molisana
faga gioielli venafro isernia cassino

ISERNIA – A pochi giorni dal lancio del ‘quantitative easing’, la politica economico-finanziaria voluta da Mario Draghi – presidente della Bce – per evitare il rischio deflazione e promuovere ricadute positive sull’economia reale, ci sono già i primi riscontri positivi.  Grazie al cosiddetto ‘alleggerimento quantitativo’ la Banca centrale europea ha avviato la campagna d’acquisto dei titoli di Stato dei Paesi membri.  Così facendo si aumenta la liquidità del sistema finanziario e, di conseguenza, si abbassano i rendimenti dei titoli di Stato a lunga scadenza con l’effetto di diminuire i tassi d’interesse e di abbassare lo spread. Mutui e finanziamenti alle imprese ne beneficeranno. Inoltre tale manovra, abbassando il rendimento dei titoli, indirizza le banche a non prediligere più tale forma di investimento, favorendo il prestito alle famiglie e alle imprese. Il piano di Draghi prevede l’acquisto di titoli per 60 miliardi al mese, fino al settembre 2016. In Italia arriveranno circa 12 miliardi al mese. In proporzione, il Molise potrebbe ricevere risorse per centinaia di milioni al mese. È chiaro che il nostro territorio non può sprecare un’occasione come questa: occorre dunque che le istituzioni locali, di concerto con il mondo dell’imprenditoria, i sindacati e le associazioni di categoria operanti sul territorio, trovino una strategia comune per far sì che tali ingenti risorse economiche ricadano effettivamente sul territorio e siano a disposizione dell’economia molisana. Occorre, in altre parole, lavorare insieme affinché gli istituti finanziari, che sono i diretti beneficiari della strategia della Bce, tornino a finanziare le attività produttive e le famiglie molisane, invertendo la tendenza degli ultimi anni che ha visto  una contrazione dell’erogazione del credito pari al 7,4% in tre anni, facendo registrare un calo dei prestiti a 110 miliardi di euro. Un impegno concreto e veloce in tal senso è fondamentale per non perdere tale opportunità, vista la difficilissima situazione economica che il Molise, da qualche anno, si trova ad affrontare. Se il Molise non sarà in grado di approfittare con progetti concreti di una simile possibilità, sarà a rischio la sussistenza stessa del territorio. Pertanto, ognuno deve fare la propria parte.

Cosmo Tedeschi

responsabile per lo Sviluppo economico

della segreteria del Pd

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

venafro farmaciadelcorso glutenfree
faga gioielli venafro isernia cassino
colacem
panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: