VENAFRO – Si rinnova in serata il rito ancestrale dei “Favor”, i falò di San Giuseppe

ristorante il monsignore venafro
eventi tenuta santa cristina venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
Smaltimenti Sud
Maison Du Café Venafro
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia

VENAFRO – Per la gioia di piccoli e grandi, di donne ed uomini, in serata a Venafro una delle tradizioni più tipiuche : “ i favor’ “, i falò di san Giuseppeto. “ Alla lena, alla lena, San G’seppe z’ mor’ r’ fridd’ ” (alla legna, alla legna, San Giuseppe muore di freddo ) erano le strofe del simpaticissimo ritornello che un tempo cantavano in coro i giovani di Venafro andando in giro per i quartieri cittadini e in campagna a raccogliere la legna per “ i’ favor’ “ , i falò da accendere un po’ ovunque nella serata odierna, ricorrenza di San Giuseppe, il santo lavoratore, patrono del fuoco e protettore del focolare domestico. Tradizione bellissima, assai coinvolgente e una grande festa popolare, preludio alla primavera alle porte e che testimonia il piacere comune di ritrovarsi dopo il lungo inverno. La tradizione di una volta e la ricorrenza oggi : aspetti molto diversi, come differenti sono i tempi e i protagonisti. Decenni addietro si raccoglieva per settimane tantissima legna offerta dalla gente, la si custodiva nel quartiere e nel pomeriggio odierno mani esperte allestivano l’enorme “ favor’ “ a cui si metteva fuoco col calare della sera. Quindi tutt’intorno a scaldarsi, parlare, cantare, suonare e mangiare quanto ciascuno aveva portato da casa, accompagnando ogni cosa con balli e tanti bicchieri di frizzante rosso locale. Divertimento genuino e popolare ! Oggi è diverso, anche se la tradizione regge. La tipica tradizione si ripete questa sera in tutti i quartieri cittadini : da Porta Nova a San Francesco, da Sant’Antuono a Cristo, dalle Manganelle al Colle, dal Mercato al quartiere Di Bona, dal rione popolare di via Maiella all’altro di via Flacco, dalle parrocchie di S. Simeone e SS. Martino e Nicola alla Basilica di San Nicandro ect.  Ed allora tutti in giro in serata alla ricerca de “ i’ favor’ “ per scaldarsi, divertirsi e rispettare la suggestiva tradizione dei falò.

 

Tonino Atella

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
panettone di caprio
colacem
panettone artigianele natale di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone artigianele natale di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone di caprio
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: