VENAFRO – Balzelli del Consorzio di Bonifica, la contrarietà dei cittadini costretti a pagare tasse per servizi inesistenti

Smaltimenti Sud
eventi tenuta santa cristina venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
ristorante il monsignore venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana

VENAFRO – Diversi i pareri e gli atteggiamenti dei contribuenti venafrani circa gli euro da versare annualmente al locale Consorzio di Bonifica per presunte migliorie, bonifica e servizi consortili, pur ricadendo le loro proprietà private in aree urbanizzate da tanti decenni e come tali non più nelle condizioni di fruire di alcunché di quanto erogato dal Consorzio di via Colonia Giulia, come irrigazione, miglioramenti fondiari, bonifica ect. Questione, questa, datatissima ed anche decisamente “antipatica” e indigesta a prescindere dalla modestia delle cifre richieste, ma non c’è da fare : migliaia di utenti venafrani loro malgrado ricevono puntualmente dal servizio tesoreria del Consorzio i bollettini di c/c da versare in un’unica soluzione o a rate, e chi non ottempera si vede recapitare successivamente dall’ente tanto di sollecito ed altro ancora, in quanto in punto di legge il Consorzio ha tutto il diritto di incassare. Costoro, i contribuenti, assumono nel merito atteggiamenti differenziati : c’è chi sorride amaramente mentre paga, chi fa spallucce ritenendolo inevitabile e chi esprime contrarietà per un sistema contributivo che proprio non va giù. Premesso che sul tema ci siamo più volte intrattenuti senza ricavare un ragno dal buco per l’assordante silenzio e il costante disimpegno di chi invece dovrebbe agire per cancellare l’illogico tributo, torniamo a riportare i pareri di quanti pur vivendo in zone residenziali, urbanizzate ed assai distanti dalle aree agricole servite dalla bonifica, “devono” loro malgrado pagare. Lo facciamo nella speranza che finalmente qualcuno si decida ad intervenire, sollevando tanti contribuenti da versamenti del tutto fuori luogo. “Sono proprietario di un appartamento nei pressi della chiesa dei SS Martino e Nicola -afferma un venafrano residente a Pescara- ma ogni anno devo versare tributi al Consorzio. Qualcuno me ne vuole spiegare l’utilità ?”. Altro professionista residente alla Starza : “Ho casa in un rione residenziale -afferma l’uomo- non fruisco di alcunché dei servizi di bonifica, ma mi continuano ad arrivare i bollettini di c/c. I tributi vanno giustamente pagati in base a servizi erogati o prestazioni ricevute. Nel mio caso niente di tutto questo, ma mi si continuano a chiedere soldi”. Passiamo in via Flacco : “Abito in zona urbanizzata da diversi decenni, -spiega una signora- il Consorzio di Bonifica non mi da niente, ma i miei soldi li incassa ugualmente. Non lo ritengo affatto giusto !”. Da via Maria Pia di Savoia il parere di un impiegato : “Perché dobbiamo pagare inutilmente tributi che di fatto non ci toccano ? Chiedo al Comune di Venafro di sollevarci da tale obbligo, attuando gli adempimenti del caso”. Tale ultimo contribuente ha messo il dito nella piaga del problema : ossia la necessità da parte dell’amministrazione municipale di deliberare l’ampliamento del nuovo perimetro urbano cittadino, estendendolo a sud sino al torrente Rava e proseguendo su tale linea di demarcazione, come di fatto stanno le cose. Solo allora verrà vanificato il regio decreto dei primi del ‘900 in base al quale, stante la situazione urbanistica della città di oltre un secolo addietro, si è tenuti a versare gli (inutili) tributi alla bonifica. Una volta ridisegnato il perimetro cittadino, il Consorzio di Bonifica potrebbe chiedere tributi solo a chi possiede a sud del Rava e suoi proseguimenti, e non più a quanti si ritrovano a nord di tale linea, cioè in piena urbanizzazione. Questa è la situazione e nulla più. Ed invece da una parte l’inadempienza del Comune di Venafro che si ostina a non aggiornare il proprio perimetro urbano, dall’altra la determinazione del Consorzio di Bonifica ad incassare i soldi di tanti cittadini a prescindere dalla fruizione o meno di servizi e dall’altra ancora la contrarietà di diverse centinaia di contribuenti per un obbligo contributivo nient’affatto condiviso e giustificabile. Una storia notoria, che in molti continuano a sottovalutare nonostante la sua consistente portata sociale. E’ giusto tutto questo ?

 

Tonino Atella

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

Maison Du Café Venafro
panettone di caprio
pasticceria Di Caprio
Futuro Molise
colacem
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone di caprio
pasticceria Di Caprio
Futuro Molise
Maison Du Café Venafro

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

Aziende in Molise »

  • Maxi affari

    MAXI AFFARI

    by on
    Maxi affari srls SS85 Venafrana, 25+600 86077 Loc. Trivento Pozzilli (IS) © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Bar il Centrale Venafro

    BAR IL CENTRALE

    by on
    Bar il Centrale Corso Campano, 34 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 904280 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • power car officina meccanica venafro

    POWER CAR

    by on
    Power Car srls SS 85 Venafrana, 10 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 900951 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • ASSIKURA ASSICURAZIONI

    by on
    Assikura assicurazioni di Siravo Fabrizio Via Alessandro Volta n. 4, 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 250669 Cell. 335 1550250 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Forte Carni E Salumi La Porchetta

    FORTE CARNI E SALUMI LA PORCHETTA

    by on
    “Forte” Carni E Salumi La Porchetta Via Atinense, 86077 Pozzilli (IS) Telefono 371 3358072 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • La Taverna di Camillo

    LA TAVERNA DI CAMILLO

    by on
    La Taverna di Camillo Via Maria Pia di Savoia, 125 – 86079 Venafro (IS) Telefono 342 1267431 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • DIMENSIONE SPORT

    by on
    Dimensione Sport Corso Campano, 173 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 902217   © RIPRODUZIONE RISERVATA
error: