CAMPOBASSO – “Basta Emissioni”, il 22 aprile la prima assemblea ufficiale del Comitato

stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
pasta La Molisana

CAMPOBASSO – Mercoledì 22 aprile 2015, alle ore 18.30, presso la sala riunioni del Convento San Giovanni dei Gelsi a Campobasso (accanto al cimitero cittadino), si terrà la prima assemblea ufficiale generale del Comitato “Basta Emissioni” da poco costituitosi per contrastare ogni nuova possibile fonte di emissione di fumi, polveri e sostanze dannose o tossiche nell’atmosfera. Al grido “il Molise ha già dato” si parlerà nello specifico delle due nuove proposte di possibili ciminiere previste proprio a Campobasso e che riteniamo non giustificate, non necessarie e non gradite all’ambiente già fortemente compromesso. Basti pensare che proprio Campobasso, unitamente a Venafro, fa registrare il doppio dell’inquinamento ammissibile! Alla presenza del sindaco e dell’assessore ai lavori pubblici del comune capoluogo, cittadini, attivisti e comitati, che si preannunciano in numero considerevole, faranno sentire forte il loro attaccamento al territorio e all’ambiente regionale.

 

Per il Comitato:

Florenz Gliosca, Fabio D’Ilio, Emilio Izzo, Angelo Palumbo, Renzo Mastropaolo, Pasquale Ciocca, Mauro Lombardi

 

CONTATTI:

Comitato “Basta Emissioni”  Contrada S. Giovanni dei Gelsi 151B, 86100 Campobasso – mail: mauro.lombardi74@gmail.com.- cell.347 5895881, emilcult@libero.it-cell. 347 6402951.

 

ATTO COSTITUTIVO STATUTO:

I sottoscritti Florenz Gliosca, Fabio D’Ilio, Emilio Izzo, Angelo Palumbo, Renzo Mastropaolo, Pasquale Ciocca e Mauro Lombardi , avendo ricevuto dall’assemblea indetta il giorno otto di aprile 2015 il mandato per formalizzare un Comitato Civico per combattere tutte le forme di nuove emissione di fumi, sostanze pericolose e tossiche, letto il verbale a loro consegnato, hanno redatto in forma snella l’ATTO COSTITUTIVO-STATUTO del COMITATO CIVICO denominato “BASTA EMISSIONI”. Viste le esigenze di diversi cittadini molisani che  da tempo avevano in animo di impegnarsi per ostacolare con tutti i mezzi democratici la deriva ambientale nella loro regione, a seguito di incontri avuti per iniziare un percorso per dare vita ad un comitato avente come obiettivo il “NO” alla realizzazione  di qualsiasi nuova ed ulteriore forma di emissione di inquinanti nel territorio molisano, si è deciso di dare vita al “COMITATO BASTA EMISSIONI”. Nell’immediato e più specificatamente, si contrasterà la costruzione di un impianto inceneritore per la cremazione di defunti presso il Cimitero sito in C.da S. Giovanni dei Gelsi della  città di Campobasso come da bando di gara comunale scadente il 18 maggio p.v.

In particolare il  Comitato evidenzia le seguenti criticità:

  • L’utenza che sceglie la cremazione al posto della più comune sepoltura in tutta Italia raggiunge solo l’8% del totale. Nell’intero Molise si tratta di poche decine di cremazioni all’anno. Pertanto, seppur la legge preveda un impianto di cremazione per ogni Regione e pur rispettando le idee e le scelte dei singoli cittadini, si ritiene che lo stesso non sia giustificabile data l’esiguità dei numeri esposti;
  • Si ritiene inutile e costoso il project financial proposto dal Comune di Campobasso per una spesa complessiva di € 1.800.000. Si giudica molto più vantaggioso ed economico per il comune o la Regione contribuire a finanziare i pochi cittadini non abbienti che decidono di far cremare i propri cari in altre realtà già attrezzate alla bisogna;
  • Sempre fatta salva la libertà dei singoli che, come si diceva, potrebbe essere rispettata come da punto precedente, non si capisce il motivo per cui i cittadini molisani dovrebbero subire l’emissione nella propria atmosfera di polveri sottili ed altri inquinanti che, seppur nei limiti di legge, non sono assolutamente giustificabili né come ritorno economico dell’investimento né tantomeno come ritorno in termini di occupazione.

Si ritiene che la gestione affidata al privato di un inceneritore, che sicuramente non raggiungerà la piena capacità produttiva, possa generare infiltrazioni malavitose e comportamenti opportunistici con la possibilità, come già avvenuto altrove, di smaltire materiale tossico molto più pericoloso dei defunti attraverso canali apparentemente legali.

Il  Comitato, che non ha bandiere politiche né fini di lucro,  considerati i motivi esposti, ritiene che l’impianto che si intende realizzare debba essere contrastato con tutti gli strumenti civili e legali a disposizione dei cittadini e che si debba intraprendere un’azione collettiva di lotta per dire una volta per tutte BASTA a qualsiasi tipo di emissione inquinante nel territorio molisano già martoriato dai recenti scandali sulla gestione dei rifiuti tossici della camorra, dall’eolico selvaggio, dalle megadiscariche, dai centri di accoglienza in odore di malavita, dai pozzi inquinati e da scellerate scelte politiche. Inoltre, il  Comitato, esprime sin d’ora la sua netta contrarietà anche alla paventata costruzione di una centrale a biomasse in contrada Mascione, sempre nel comune di Campobasso, ennesima ed inutile fonte di pesanti inquinamenti e possibili sottoboschi di interessi sfrenati. Al Comitato può aderire chiunque ne condivida le finalità.

Il presente documento viene trasmesso per la trasparenza alle prefetture e alle questure della regione Molise.

 

Campobasso, 13 aprile 2015

I delegati:

 

Florenz Gliosca

Fabio D’Ilio

Emilio Izzo

Angelo Palumbo

Renzo Mastropaolo

Pasquale Ciocca

Mauro Lombardi

 

Comitato “Basta Emissioni” presso Gliosca Florenz, Contrada S.Giovanni dei Gelsi 151B,

86100 Campobasso – mail: mauro.lombardi74@gmail.com.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: