VENAFRO – Consumi idrici e rateizzazioni, curiosità: si paga da aprile ad ottobre “saltando” giugno

vaccino salva vita
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
pasta La Molisana

VENAFRO – Una curiosità tutta venafrana, sollevata da coloro che stanno ricevendo  i salatissimi conti per i consumi idrici del triennio 2012, 2013 e 2014, in alcuni casi assommanti anche a diverse migliaia di euro e che tanto stanno contrariando i contribuenti e mettendo in difficoltà gli stessi uffici Finanze e Tributi municipali di piazza Vittorio Veneto. Ecco la curiosità propostaci dalla gente : “Abbiamo notato -affermano diversi venafrani- che le sei rate mensili con cui corrispondere il dovuto per il triennio 2012, 2013, 2014, fermo restando la possibilità di versare il tutto anche in un’unica soluzione (ma, crediamo, saranno decisamente in pochissimi farlo !), vanno da aprile ad ottobre di quest’anno, escluso il mese di giugno. Si paga cioè ad aprile, maggio, luglio, agosto, settembre e ottobre, ma non a giugno. Ci siamo chiesti il perché, ma non abbiamo trovato risposte logiche. A meno che il settore Finanze e Tributi abbia pensato di avere una sorta di riguardo per il Santo Patrono che si celebra il 16, il 17 ed il 18 giugno di tutti gli anni. O forse, date le consistenti somme da versare, per lasciare un po’ di euro nelle tasche della gente in occasione del trittico festivo, in modo da poter consentire a tutti di contribuire alle spese della festa, di sorseggiare una birra ai tavolini al Mercato, mangiare qualche nocciolina o un panino con la porchetta, o divertirsi alle giostre di viale San Nicandro”. Le considerazioni popolari, passate pari pari al settore Finanze e Tributi del Comune, hanno fatto sorridere e divertire dirigente ed impiegati, i quali non hanno tardato a spiegare “il salto” del mese di giugno per i pagamenti dei consumi idrici : “San Nicandro non centra affatto -hanno detto- anche se l’osservazione è simpatica. Abbiamo pensato di saltare giugno data la coincidenza col pagamento dell’Ici, ossia un modo concreto per venire incontro alle esigenze di tutti”. In parole povere ci sarà comunque qualcosa da pagare anche a giugno, anche se sotto altra sigla ! Poveri noi contribuenti, sommersi da tasse, tributi e contributi, checché proclamino Renzi & C. circa tagli e cali di esborsi e prelievi. Chiacchiere, parole e tabacchere, per dirla secondo un’antica espressione, mentre i pochi euro rimastici volano via dalle nostre tasche, puntualmente prelevati con balzelli di vario tenore !

Tonino Atella

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
error: