ISERNIA – “Incontri in cucina di cultura enogastronomica” promossi dall’Accademia Italiana della Cucina

Maison Du Café Venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
eventi tenuta santa cristina venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
ristorante il monsignore venafro
Smaltimenti Sud

ISERNIA – Ritenendo necessario fare delle conviviali occasione di conversazione su argomenti legati alla origine della cucina del territorio, alla necessità di mantenerla costante nella sua validità ed importanza, la Delegazione di Isernia dell’Accademia Italiana della Cucina ha deciso di portare l’approfondimento delle ricette in una serie di “Incontri in cucina di cultura gastronomica” dove le tematiche verranno trattate, discusse ed elaborate nonché realizzate sotto la guida di chi ne conosce i segreti. Persone che ancora abitualmente fanno della cucina tipica molisana il loro quotidiano in ambito familiare.

In occasioni di detti incontri interverranno persone di esperienza: cuoche, maestri di cucina, gastronomi, dietologi, sommelier. Le pietanze saranno trattate nel loro divenire fino alla preparazione attuale studiando le possibili varianti innovative per avvicinarle ad un gusto più moderno. Lo sprone per il Maestro di cucina è di introdurle nelle proposte del menu del proprio ristorante.

Sono coinvolti gli Accademici e persone esterne interessate alla cultura enogastronomica per conoscere approfondire e commentare le tematiche previste dal menu .

Alla fine del ciclo di eventi uno o più esperti indicheranno gli elementi di giudizio necessari per valutare:

  • le qualità di un piatto spogliandosi dal gusto personale che spesso esula da un parere obiettivo;
  • la corretta scelta delle pietanze in un menu;
  • i vini che meglio accompagnano le varie pietanze e le portate previste dal menu.

In occasione di ciascun incontro sarà, inoltre, compilata una scheda nella quale saranno riportati i vari aspetti trattati per quanto riguarda il piatto (notizie storiche, ingredienti, preparazione, caratteristiche sensoriali e nutrizionali, ecc) così da definire quali sono gli elementi della tradizione e quali quelli innovativi, per cercare di capire come si combinano e quale sia il risultato.

Scopo degli incontri

  • recuperare i piatti della tradizione che potrebbero scomparire;
  • riportare sulle tavole familiari il piacere di preparare e gustare piatti locali;
  • sensibilizzare al valore di una cucina sana e a costi contenuti;
  • invogliare i cuochi a proporre nei propri menù i piatti “antichi” che rappresentano la nostra cucina e che sono il legame tra passato e presente, ossia la nostra identità;
  • dare ai piatti una veste contemporanea, più accattivante e raffinata;
  • facilitare la scelta di un piatto e l’articolazione del menu da realizzare;
  • percepire lo stretto rapporto tra le pietanze e il vino;
  • favorire una maggiore consapevolezza della cultura gastronomica;
  • promuovere la discussione ed il confronto cultural-gastronomico tra gli accademici e con cultori esterni della cucina;
  • attivare la divulgazione attraverso riprese video degli incontri (affidate all’Editore Tobia Paolone) per un’auspicabile pubblicazione, nonché attraverso la raccolta del materiale documentario (schede) secondo una metodologia omogenea.

Sviluppo degli incontri

Gli incontri saranno 6, si svolgeranno mensilmente e per tematiche. Nella prima fase, si parlerà della tematica relativa all’incontro sotto i vari aspetti. Nella seconda, pratica, si passerà in cucina per assistere alla realizzazione dei piatti da parte delle cuoche che man mano spiegheranno l’esecuzione con riferimento ai prodotti impiegati, tempi e metodi di cottura in relazione alle tradizioni. Il Maestro di cucina, a sua volta, preparerà una delle ricette stabilite, a sua scelta, rielaborata in chiave contemporanea; all’atto della preparazione della vivanda spiegherà il suo personale intervento, nonché le motivazioni della rielaborazione del piatto della tradizione, fornendo anche date tecnici di preparazione del determinato prodotto. Durante la conviviale si commenteranno coralmente i piatti.

Tematiche

Baccalà ( mercoledì 27 maggio  ore 17 – Ristorante Zolla Isernia)

Ortaggi e legumi, erbe di campo(sabato 20 giugno Agnone) Lasagne, timballi, paste al forno (giovedì 2 luglio Isernia)

Polente e ‘m panicce (sabato 19 settembre Pesche)

Condimenti, sughi e salse in abbinamento a carni-pesce-pasta(giovedì15 ottobre Isernia seguirà la Cena Ecumenica)

Dolci e Cioccolato (giovedì 10 dicembre per la festa degli auguri pomeriggio raffinatamente dolce guidati da un eccellente maestro pasticcere)

L’alimento tema del giorno(es. baccalà) sarà protagonista di tutte le portate di un classico menu, dall’antipasto al contorno.

Le tematiche scelte sono quelle auree della cucina molisana, ossia quelle che hanno dato carattere e identità alla gastronomia della regione.

 

IMPORTI

costo di ogni singola conviviale 30 €

Gli incontri si svolgeranno secondo calendario, da maggio a dicembre, escluso i mesi di agosto e novembre.

 

Il Delegato

Giovanna Maria Maj

cucina cultura gastronomica

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
colacem
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
colacem
panettone artigianele natale di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: