VENAFRO – In arrivo 200 profughi in città, ma le istituzioni preposte mettono le mani avanti: “Non ne sappiamo nulla”

pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud
vaccino salva vita

VENAFRO – Alla fine è emerso che trattavasi solo di voci, di dicerie, nient’affatto suffragate dagli ambienti pubblici preposti, ossia forze dell’ordine, Questura e Prefettura. Almeno al momento, quindi, non arriveranno, e veniamo alla voce che circolava in questi ultimi giorni, 200 migranti delle migliaia appena sbarcati sulle coste del meridione d’Italia. Ipotesi questa, che aveva immediatamente messo in apprensione parte dell’opinione pubblica dell’estremo Molise occidentale.

Premesso che sul tema dell’accoglienza dei migranti sussistono idee e posizioni le più disparate e contrapposte, con favorevoli e contrari pronti a sostenere dati alla mano le proprie congetture e di riflesso a dividersi sugli atteggiamenti da tenere circa l’accoglienza di tali migranti, diciamo solo che l’eventualità di dover in qualche modo apprestarsi ad ospitare altre centinaia di disperati che salgono sulle “carrette del mare” sfruttati da scafisti e individui analoghi aveva allertato non poco le popolazioni del mandamento Venafrano, che ricordiamo da anni già ospitano in un hotel di Monteroduni oltre cento  giovani africani, i quali solitamente elemosinano senza soluzione di continuità dinanzi ai supermercati, per le strade o nei bar.

Ecco le domande postesi da tanti appena diffusa la notizia, poi risultata infondata, che parte dei migranti approdati nel meridione e in predicato di essere smistati in varie regioni stessero per arrivare a Venafro e dintorni : “Se arrivano, dove verranno sistemati ? In alberghi, hotel, b&b ed alloggi privati, o in strutture pubbliche ?  Saranno ospitati in locali ecclesiastici, tipo canonica della Cattedrale o Convento Francescano di Venafro, o in ambienti del mondo religioso dei Comuni limitrofi ? Ma soprattutto, una volta arrivati da noi cosa faranno questi migranti nel corso delle loro giornate ? Abbiamo l’ esempio tutt’altro che positivo e nient’affatto edificante di Monteroduni, con centinaia di giovani di colore inoperosi da anni, senza alcuna prospettiva di lavoro e di futuro inserimento”.

Quindi l’amara conclusione circa l’eventualità di futuri arrivi di extracomunitari : “Non siamo contrari per principio o partito preso -ragionano molti- ma in base alle oggettive difficoltà del momento storico che l’Italia sta vivendo, sud in primis. I  nostri giovani stanno conoscendo una disoccupazione che supera il 40%, un dato tragico ! I migranti, eccezion fatta per i profughi, aggravano la nostra già terribile situazione nazionale, senza apportare alcunché di positivo. Sono dati reali ed inconfutabili, di cui le istituzioni pubbliche italiane e l’Europa in particolare devono finalmente farsi carico, liberandoci da un fardello insopportabile”.

 

Tonino Atella

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: