VENAFRO – Consorzio di Bonifica, situazione attuale e prospettive delle attività e delle produzioni agricole

mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud
La Molisana Natale plastica

 

VENAFRO – Nel  2014 il perimetro del Comprensorio amministrato dal Consorzio di Bonifica della Piana di Venafro  è stato esteso dalla Regione Molise  ad oltre 10.000 ettari  e ora comprende 9 Comuni in Provincia di Isernia ( Venafro, Pozzilli, Isernia, Colli al Volturno, Fornelli, Montaquila, Macchia di Isernia, Sesto Campano, Monteroduni) e 1 in Provincia di Caserta ( Capriati al Volturno).

Il territorio si presenta complessivamente molto variegato con una prevalenza di terreni irrigui in pianura dove tradizionalmente si sono praticate colture estensive anche perché il servizio irriguo garantito del Consorzio di Bonifica è stato finora limitato a soli 153 giorni anno, da maggio a ottobre.

In questi tre anni, la nuova Amministrazione consortile ha provveduto e sta provvedendo all’estendimento dell’impianto irriguo a pressione su diversi ettari di terreni che per vari motivi erano rimasti esclusi, inoltre ha  molto incentivato non solo la diversificazione delle colture ma anche suggerito, nelle zone non pianeggianti, di sfruttare al meglio il terreno e renderlo produttivo con colture adeguate.

Proprio a dimostrazione del preciso obiettivo da raggiungere cioè coltivare molti più terreni, risparmiare acqua e diversificare le produzioni, integrandole anche con le produzioni  tipiche molisane e campane, quest’anno è in corso la  sperimentazione dell’utilizzo dei droni per ottenere innanzitutto la “Mappa di fertilità “ dei singoli appezzamenti in maniera da poter consigliare le migliori attività da intraprendere o da incentivare e sviluppare con maggiore determinazione.

Alcuni progetti di filiera sono già  stati individuati e in sintesi, in ordine di priorità,  riguardano :

  1. la filiera del mais;
  2. la filiera dell’olio e dei suoi prodotti derivati, compreso il pane e i biscotti ( in sinergia  con il Parco Regionale dell’Olivo);
  3. la filiera delle carni e degli allevamenti specializzati;
  4. la filiera del latte sia vaccino sia bufalino ;
  5. la filiera degli ortaggi e delle erbe aromatiche;
  6. la filiera dei fiori e delle erbe officinali;
  7. la filiera delle mandorle  ( a servizio della principale industria del cioccolato della zona).

Fondamentale appare per questi motivi la disponibilità di acqua irrigua per 12 mesi anno in maniera da valorizzare non solo i terreni che potranno avere più cicli di vita in un anno solare ma soprattutto per consentire produzioni ad  alto valore aggiunto che molti agricoltori e proprietari tra l’altro stanno definendo anche in previsioni dei finanziamenti ottenibili dal PSR Molise 2014-2020. Stesso ragionamento vale per il territorio in Provincia di Caserta ,tra l’altro ancora in Obiettivo 1, per cui è possibile accedere anche alle notevoli risorse previste nel PSR Campania di prossima approvazione.

Su questo argomento  appare rilevante considerare  la proposta di adesione avanzata al Consorzio di Bonifica della Piana di Venafro da parte di  5 Sindaci dell’Alto casertano ( tra cui Capriati al Volturno, Fontegreca, Prata ,Pratella ) che vorrebbero  fossero resi irrigui ben 1.500 ettari attualmente non serviti . Le linee strategiche dell’intervento sono note da tempo anche all’Autorità di Bacino del Liri, Garigliano e Volturno e ora unitamente al  Consorzio di Bonifica della Piana di Venafro si potrebbe richiedere un apposito finanziamento per elaborare lo studio di fattibilità all’  Amministrazione della Regione Campania.

Tenuto conto della particolare caratteristica strutturale del Consorzio di Bonifica della Piana di Venafro, che di fatto rappresenta una peculiarità, cioè  essere un Ente Pubblico Economico a carattere interregionale,  si sottolinea l’ importanza di poter prevedere di intesa con l’Autorità di Bacino del Liri ,Garigliano e del Volturno, con la Regione Molise e la Regione Campania,  l’istituzione di un apposito “Laboratorio ambientale” a servizio di tutto l’Appennino meridionale presso lo stabile di proprietà, e recentemente reso fruibile, presso il “Casello idraulico di Ripaspaccata” a Montaquila.

Per supportare infine la crescita della produttività generale e supportare al meglio le iniziative sia di marketing territoriale sia di marketing operativo riguardo le produzioni tipiche locali, il Consorzio di Bonifica si sta adoperando affinché anche nelle aree rurali del Comprensorio siano disponibili collegamenti ICT/TLC veloci. Il progetto allo studio prevede infatti il collegamento tra la banda ultra larga ( già disponibile a 100 mega recentemente resa disponibile nelle principali Città della Provincia di Isernia  grazie al Progetto Eurosud)  e un servizio  WI-FI  a 20 mega, con ripetitori di piccola potenza  compatibili con l’ambiente rurale, sfruttando la rete del telecontrollo con cui il Consorzio di Bonifica assicura il servizio e il controllo dell’irrigazione  nei vari comizi.

Le attività legate alla bonifica, alla manutenzione e alla programmazione degli interventi strutturali per la tutela dell’ambiente e per evitare il dissesto idrogeologico, oltre quelle legate al potenziamento della produzione idroelettrica a servizio dei Consorziati, costituiscono i principali obiettivi da perseguire sempre conservando un alto profilo etico e assicurando una gestione operativa improntata ai criteri efficacia, efficienza ed  economicità.

Venafro, 26 giugno 2015

Il Presidente del Consorzio di Bonifica

Dott. Vittorio Nola

 

CONSORZIO DI BONIFICA DELLA PIANA DI VENAFRO

PRESIDENZA

CONTO CONSUNTIVO 2014

L’attuale perimetro del Consorzio Interregionale di Bonifica della Piana di Venafro è pari a 10.509 ettari distribuiti in 9 Comuni della Regione Molise (Isernia, Venafro, Pozzilli, sesto campano, Montaquila, Colli a Volturno, Forneli, Macchia d’Isernia e Monteroduni) ed 1 Comune della Regione Campania (Capriati a Volturno). L’organico è pari a 7 dipendenti con 14 stagionali.

Il Consiglio dei delegati riunitosi presso la sede consortile in data 26 giugno 2015 ha  approvato il Conto Consuntivo per l’esercizio finanziario 2014 che in sintesi evidenzia i seguenti dati significativi:

ENTRATE DI COMPETENZA ACCERTATE                €  1.834.056

USCITE DI COMPETENZA IMPEGNATE                     €  1.858.448

TOTALE RISCOSSIONI                                                    €  1.194.247

TOTALE PAGAMENTI                                                      €  1.361.712

FONDO DI CASSA AL 31.12.2014                                 €     262.315

RESIDUO RATE MUTUI PREGRESSI AL 31.12.2014   €    123.616

CANONE PER CONCESS. DERIVAZIONE ACQUA    €      23.637

IMPOSTA IRAP (Regione Molise)                                  €      43.664

DISAVANZO DI AMMINISTRAZIONE 2014                 €      27.099

 

Venafro 26 giugno 2015                                                  IL PRESIDENTE

(dott. Vittorio NOLA)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail

Pubblicità »

caffè, ristorante, centro commerciale, melograni, roccaravindola
Bar Ritrovo Pozzilli punto Lis Gratta e Vinci

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Pubblicità »

caffè, ristorante, centro commerciale, melograni, roccaravindola
Bar Ritrovo Pozzilli punto Lis Gratta e Vinci

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

Agrifer Pozzilli
Edilnuova Pozzilli
Bar il Centrale Venafro
Esco Fiat Lux Scarabeo
fabrizio siravo assicurazioni
error: