ISERNIA – Negli anni ’60 la visita di Guttuso in Molise. Che fine hanno fatto le cinque tele che lasciò in dono?

Blackberries Venafro

ISERNIA – Uno dei misteri del recente passato molisano -parliamo di una vicenda risalente agli anni ’60- su cui non si è mai fatta piena luce, lasciandola di fatto cadere nel dimenticatoio. La riprendiamo per cercare di capire come siano andate effettivamente le cose, sempre che qualche testimone/protagonista degli avvenimenti che seguono voglia contribuire a chiarire. La storia. Il protagonista principale è personaggio rilevantissimo nel panorama pittorico, artistico e culturale non solo d’Italia, Renato Guttuso. L’artista nel periodo sopra citato viene contattato da un docente molisano d’istituti superiori ed invitato in regione per dire della propria arte pittorica. Guttuso accetta volentieri, raggiunge senza indugi il Molise, stabilisce con chi l’ha invitato rapporti di ottima cordialità, nella circostanza conosce ed apprezza uomini e territorio molisani coi quali si trova pienamente a suo agio. Il soggiorno in Molise del pittore, che intanto era già personaggio di spicco per la sua produzione artistica, si rivela quanto mai positivo. Il nostro instaura rapporti eccellenti con la gente comune,  partecipa volentieri alla vita del tempo, viene accolto con ampi favori  e quando arriva il momento di ripartire e lasciare la regione, fa dono di cinque sue tele perché i molisani ne fruissero in occasioni di feste pubbliche e riunioni popolari. E così esattamente viene fatto. Le tele di Guttuso girano tra i Comuni dell’isernino, vengono esposte ed ammirate ovunque, presentate nelle feste di piazza, negli appuntamenti popolari e in altri frangenti simili. Le preziose e suggestive tele di Guttuso per mesi vengono ammirate da tanti dell’isernino, fino a quando un brutto giorno smettono di girare e non vengono più esposte ed ammirate da nessuna parte ! Passa del tempo e finalmente ci si adopera per recuperarle e tornare ad esporle. La loro ricerca è spasmodica, si chiede dappertutto per capire dove siano e chi ce l’abbia, ma nulla e niente più trapela. Le tele di Guttuso che i molisani avrebbero dovuto continuare ad esporre e far ammirare, quale fiore all’occhiello della cultura italiana, spariscono dalla circolazione e nessuno più ha modo di vederle. Distrutte, deteriorate dal tempo, andate perse, diventate impresentabili o cos’altro è accaduto loro ? Le cose stanno esattamente così o la fine della vicenda è tutt’altra ? Esistono ancora da qualche parte le tele “molisane”di Renato Guttuso ? Chi ne sa ed è al corrente della storia, è invitato a fornire spiegazioni e chiarimenti. Da parte nostra saremo ben lieti di divulgare le notizie che perverranno, trattandosi di arte e cultura nazionale da tutelare.

Tonino Atella

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Pubblicità »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!