ISERNIA – L’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano aderisce al “Laboratorio Moda” dell’Euridit

Blackberries Venafro

ISERNIA – Cresce il consenso intorno al progetto “Laboratorio Moda” presentato, nei suoi tratti essenziali, nell’incontro tenutosi il 18 giugno presso la Provincia di Isernia. Alle adesioni del Liceo Artistico di Isernia, del progetto “Cucito Condiviso” (presente all’incontro del 18 giugno), di alcune importanti aziende del settore moda, si è aggiunta quella del “Centro per lo Studio della Moda e della produzione culturale (ModaCult) dell’Università Cattolica del Sacro Cuore” di Milano.

Un’adesione particolarmente importante in quanto il Centro di ricerca Universitario, fondato nel 1996, è costituito da docenti e ricercatori universitari ed esperti professionisti e vanta una lunga esperienza nello studio socio-culturale della moda e di ricerca nel campo dei consumi e delle imprese culturali. Il Centro si distingue, nel panorama italiano, per la partnership con imprese che operano nella moda e vanta un’ampia e internazionale rete di rapporti con centri di ricerca universitari.

Con l’adesione al progetto, il Centro ModaCult intende sviluppare delle azioni mirate a promuovere le attività che mettano in luce il valore sociale del progetto ed a ricercare nuove opportunità di mercato che permettano un’espansione delle attività. Prosegue intento il lavoro preparatorio del “Gruppo di Collaborative Planning” (costituito nell’ambito del protocollo d’intesa sottoscritto da un ampio partenariato Istituzionale e scientifico tra i quali figurano l’Università degli Studi di L’Aquila e l’Ordine dei Dottori Commercialisti di Isernia), coordinato dal prof. Luciano Fratocchi, impegnato a definire il programma delle azioni che animeranno il progetto “Laboratorio Moda” con il quale si intende rafforzare il processo di ripresa del settore moda molisano (avviato con le iniziative promosse dalla Missardi e dalla IKF).

Queste azioni saranno tese a sviluppare, in sintonia operativa con i partner progettuali, dei “prototipi” di iniziative imprenditoriali con i quali valorizzare il capitale umano derivante dal patrimonio di competenze possedute dalle maestranze, in regime di cassa integrazione/mobilità, che rappresentano un serbatoio di conoscenze funzionali al rilancio del sistema moda regionale. La prevista creazione di “laboratori didattici” riveste una particolare importanza in quanto consentiranno, in un caso, di “riaprire” un laboratorio attrezzato attualmente inutilizzato (con relative assunzioni) e , nell’altro, l’attivazione di forme di alternanza “scuola-lavoro” con le quali portare i ragazzi a “vivere” i reali processi produttivi aziendali valorizzando, nell’azione, le specifiche competenze delle maestranze attualmente in cassa integrazione/mobilità.

Euridit Molise

Lettera d’intenti Cattolica 24 luglio 2015 (1) (1) (1)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Pubblicità »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!