ISERNIA – Molisani bistrattati da Trenitalia, Perriera scrive a Frattura: “Servirebbe un tuo gesto d’orgoglio”

Blackberries Venafro

ISERNIA – Che Trenitalia consideri i molisani alla stregua di bestie degne di subire ogni possibile maltrattamento è ormai assodato. Finora a nulla sono valse le legittime e talvolta anche animose proteste dei viaggiatori costretti a fruire della tratta Campobasso/Roma, la più disastrata d’Italia. Stavolta a risvegliare dal loro torpore i governanti regionali ci prova Ivan Perriera, presidente dell’Isernia Camper Club. Ecco il post che ha pubblicato sulla pagina Fb del presidente Frattura:

“Caro Presidente, ti scrivo perchè, ancora una volta, oggi ho subito la mortificazione che ogni molisano subisce ogni qualvolta sia costretto a prendere il treno alla stazione di Roma Termini per rientrare in Molise. Infatti, oltre a dover percorrere il lungo marciapiede dell’ormai famoso “20bis”, dedicato ai cittadini peggio rappresentati e meno difesi dalla loro classe politica, ancora una volta si è verificata l’assurda attesa con lo sguardo rivolto al tabellone sul quale l’assegnazione del binario (sempre quello, come se ci prendessero per i fondelli) fino a 10 minuti prima dell’effettiva partenza, costringendo i viaggiatori a doversi affrettare per raggiungere il sospirato treno. Ma è possibile che l’ultimo binario (quasi sempre lo stesso) ad essere comunicato sia sempre quello del treno per Campobasso? Mi chiedo, caro Paolo, ma come può fare un anziana/o a percorrere gli oltre 400 metri dell’assurdo marciapiede del binario 20bis, diventato ormai il nostro girone dantesco dei viaggiatori molisani, in meno di 10 minuti con una o più valige cariche, come tutti quelli che rientrano dalle ferie? Ma è accettabile che i viaggiatori debbano andare spediti come maratoneti per poter raggiungere il treno? Ma è mai possibile che tu e l’Assessore Nagni non siate in grado di andare a Roma e ribaltare qualche scrivania (ovviamente in modo figurato) del Ministero dei Trasporti affinchè i molisani possano finalmente smettere di subire quest’onta e non provare lo sconforto che io, di origini siciliane, provo per la mia regione adottiva e per i suoi straordinari abitanti? Come potete assistere, anzi direi subire, questa situazione esclusiva della Regione Molise? Spero che questo mio profondo disagio riesca a colpirvi nell’orgoglio, quell’orgoglio che ogni amministratore deve avere per i propri concittadini, perchè se neanche questo vi farà intervenire allora proverò solo pietà per la vostra inoperosità politica”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Pubblicità »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!