ISERNIA – “Immigrazione incontrollata”, lo striscione di CasaPound: “Riprendiamoci Isernia”

Blackberries Venafro

ISERNIA – “Accattonaggio, furti, violenza: questa la vostra accoglienza. Riprendiamoci Isernia”. E’ questo il testo degli striscioni affissi in nottata dal movimento CasaPound Italia per segnalare la situazione di grave disagio ed insicurezza che i cittadini del capoluogo pentro si trovano a vivere a seguito dell’ondata migratoria che ha interessato la provincia nell’ultimo anno. “Con questa azione abbiamo voluto lanciare un segnale forte in merito al grave clima di insicurezza creatosi in città a seguito dello stanziamento in zona di centinaia di immigrati clandestini, ospiti presso i centri di accoglienza sorti nei comuni limitrofi“ E’ quanto afferma in una nota Agostino Di Giacomo, responsabile isernino CasaPound.

“Purtroppo – prosegue Di Giacomo – la scelta da parte delle istituzioni di non prendere adeguatamente in considerazione le richieste dei cittadini, a dispetto della manifestazione popolare da noi organizzata presso la Prefettura lo scorso Giugno, ha portato alle inevitabili conseguenze, dal fenomeno sempre più invadente dell’accattonaggio presso esercizi commerciali ai numerosi episodi di cronaca degli ultimi tempi, non ultimo l’aggressione di un tredicenne in pieno centro cittadino da parte di un gruppo di immigrati”.

“Di fronte ad una situazione che sembra ormai sfuggire a qualsiasi controllo – prosegue il responsabile Isernino CPI – è necessaria una forte presa di posizione da parte della cittadinanza per lanciare ad una classe politica apparentemente sorda il segnale politico che la provincia di Isernia non può essere terra di immigrazione, ed affinché si valuti in merito alla permanenza in zona di centri di accoglienza divenuti oramai ormai di fatto divenuti dimora a tempo indeterminato per decine di immigrati mantenuti con i soldi dei contribuenti, e sull’eventualità di aprire un ulteriore centro di accoglienza presso l’Hotel Sayonara, nel pieno centro di isernia ed in prossimità di due istituti superiori.

Ora più che mai è fondamentale che gli isernini ‘si riprendano Isernia’, e come CasaPound proseguiremo con iniziative volte a denunciare ed a presentare alternative all’attuale stato di degrado, tra immigrazione incontrollata e taglio dei servizi essenziali, in cui il capoluogo di provincia, complice una classe politica inadatta al suo ruolo, sta sprofondando”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Pubblicità »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!