ISERNIA – Transiberiana d’Italia: conferme e novità per il turismo su rotaia in Abruzzo e Molise

Blackberries Venafro

ISERNIA – Dopo un lungo 2015 ricco di appuntamenti sui binari della Sulmona-Carpinone, soprannominata affettuosamente la Transiberiana d’Italia, l’associazione Le Rotaie si appresta a rendere noto il calendario 2016, 20 treni storici (da Sulmona e da Isernia) organizzati in tutti i mesi con la consueta regia della Fondazione FS Italiane, organismo del gruppo FS che con competenza e lungimiranza ha restituito a questa linea ferroviaria una nuova vita, assumendone la gestione e mostrandosi al momento l’unico soggetto disponibile a fornire un fondamentale supporto materiale all’attività di turismo su rotaia in Abruzzo e Molise promossa dall’associazione di volontariato.
E’ inoltre in procinto di essere rinnovato il parco rotabili storici a disposizione nel deposito di Sulmona, con la novità di un carro bagagliaio che potrà essere utilizzato per promuovere i viaggi in treno storico con bici al seguito.

Appena due anni fa il rischio di chiusura definitiva della ferrovia e successiva dismissione era concreto, con l’imminente taglio del binario di Carpinone, che avrebbe isolato l’intera linea dal resto della rete. L’attività di stimolo e di studio di soluzioni concrete presso i competenti tavoli istituzionali, portato avanti negli anni dall’associazione Le Rotaie, mantenendo sempre alta l’attenzione degli enti locali interessati e nel rigoroso rispetto dei ruoli, ha dato i propri frutti consentendo ora di guardare con ottimismo al futuro, come emerso dagli Stati Generali del Turismo Sostenibile, nella intensa tre giorni di studio svoltasi ad inizio ottobre presso il rinnovato Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa sulle nuove sfide del settore, cui Le Rotaie ha partecipato in rappresentanza della Federazione Italiana delle Ferrovie Turistiche e Museali (FIFTM).


Alla presenza del Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini, al quale è stato consegnato l’invito a partecipare ad uno dei prossimi treni storici, del Presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo e del Direttore della Fondazione FS Italiane Luigi Cantamessa sono stati tanti i punti cruciali emersi nei tavoli di lavoro, con oltre 225 partecipanti provenienti dalle diverse realtà associative del settore per l’istituenda “Carta di Pietrarsa sul Turismo Sostenibile”, che farà parte del Piano Strategico Nazionale del Turismo, da redigere entro i primi di dicembre come punto di inizio di una scaletta di lavori che vedrà il secondo appuntamento sempre a Pietrarsa nei giorni 7/8/9 aprile 2016.

Intanto continuano le richieste per gli ultimi tre treni storici dell’anno sulla Transiberiana d’Italia, con il prossimo in occasione della Fiera del Tartufo Bianco Pregiato di San Pietro Avellana, in programma domenica 1 novembre con partenza da Sulmona, dopo il grande successo dell’edizione dello scorso anno (informazioni su www.lerotaie.com e alla mail prenotazioni@lerotaie.com). Successivamente, a dicembre (domenica 6 e sabato di Santo Stefano), i treni natalizi per Campo di Giove e Carovilli chiuderanno un 2015 impegnativo ma ricco di soddisfazioni per i volontari dell’associazione Le Rotaie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Pubblicità »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!