VENAFRO – Anagrafe canina e microchip, troppi cani non iscritti. Comune e Asrem prendano provvedimenti

Blackberries Venafro

VENAFRO – I recenti fatti di cronaca (investimenti e abbandoni) che talvolta si sono conclusi con la morte delle incolpevoli bestiole, dimostrano che in città siamo ancora all’anno zero in quanto al rispetto delle norme nazionali varate a tutela dei cani. In particolare troppi proprietari ancora non provvedono all’iscrizione dei loro amici a quattro zampe all’anagrafe canina. Sarebbe opportuna più che mai, pertanto, una campagna di sensibilizzazione ad opera delle istituzioni competenti (Comune e Asrem), affinché anche quanti finora si sono rifiutati di farlo, provvedano in fretta a “microchippare” i loro cani. Diversamente, sarà poi obbligo degli agenti della polizia municipale intervenire applicando le sanzioni previste dalla legge (fino a 232 euro).

Angelo Bucci

 

L’Anagrafe canina nazionale regionale, è la banca dati preposta all’iscrizione e alla registrazione dei cani in Italia. L’iscrizione all’anagrafe, è un adempimento obbligatorio per tutte le persone che possiedono uno o più cani, ma anche gatti, infatti, anche i felini devono essere registrati presso la loro specifica anagrafe felina mentre i cavalli, muli, asini vanno iscritti per legge all’anagrafe equina, è invece facoltativa l’iscrizione per gli tipi di animali domestici come conigli e furetti.

L’ASL anagrafe canina, felina e equina non è altro che un sistema informatizzato, ovvero, una banca dati nella quale vengono appunto registrati i nostri amici a 4 zampe.

La registrazione anagrafe canina del cucciolo, avviene quindi con la compilazione da parte del personale medico veterinario, di una scheda sulla quale vengono indicati:

  • Dati animale: razza, sesso, colore e il codice numerico presente sul microchip sottocutaneo dell’animale, oppure, il numero identificativo riportato sul passaporto europeo per cani, gatti e furetti con la data di rilascio.
  • Dati proprietario: nome e cognome, indirizzo e codice fiscale. A tal proposito, possono effettuare l’iscrizione solo i proprietari maggiorenni, poiché secondo la legge, un minorenne non può essere né proprietario né detentore in quanto, pur avendo la capacità giuridica di essere un soggetto di diritti ed obblighi, non ha quella di agire che, ai sensi dell’art.2 c.c. si acquista con la maggiore età.

L’iscrizione anagrafe canina mediante l’applicazione del microchip, è da effettuarsi entro il secondo mese (60 giorni) di vita dell’animale da parte dell’allevatore o del proprietario, o entro 10 giorni dalla data dell’acquisto o dell’inizio della detenzione per gli esemplari che non siano già registrati all’anagrafe canina regionale o che siano di provenienza estera. In ogni caso è obbligatoria la registrazione prima della cessione a qualsiasi titolo. La mancata iscrizione del cane all’anagrafe canina è sanzionata con una multa da € 38 a € 232,00.

I proprietari di cani per poter procedere a iscrizione anagrafe canina, che ricordiamo è obbligatoria, devono aver fatto prima inserire il microchip, anch’esso obbligatorio a partire dal 5 novembre 2004. Da tale data, infatti, tutti i cani devono essere identificati tramite l’applicazione di un piccolo microchip sottocutaneo, contenente un codice magnetico di 15 cifre.

Il microchip ai fini di registrazione ASL anagrafe canina nazionale e regionale, deve essere inserito dal veterinario mediante con una piccola iniezione nel lato sinistro del collo dell’animale. Il microchip che può essere inserito da un veterinario libero professionista o da uno pubblico dell’ASL, entro 60 giorni dalla nascita o comunque prima della cessione a qualsiasi titolo.

ASL anagrafe canina costo e documenti per l’iscrizione, per poter procedere all’iscrizione anagrafe canina, servono i seguenti documenti:

Documento di riconoscimento del proprietario del cane

Codice fiscale del proprietario

Modello delega compilato con fotocopia del delegante, qualora l’accompagnatore sia diverso dal proprietario.

Quanto costa l’iscrizione all’anagrafe canina: il costo per l’iscrizione è il pagamento con bollettino di conto corrente postale intestato alla ASL regionale di € 28,00 di cui € 20,00 per l’applicazione microchip + € 8,00 per la registrazione.

Anagrafe canina: Trasferimento cane nella stessa regione

Il trasferimento di proprietà del cane, si ha quando si regala o si vende l’animale ad altre persone, ora se il nuovo proprietario vive all’interno della stessa regione, in cui si è provveduto ad iscrivere il cane all’anagrafe canina, si parla di trasferimento di proprietà all’interno della stessa regione, per cui il nuovo proprietario è tenuto a comunicare tale trasferimento, entro 15 giorni dalla data di acquisizione del cane. Per espletare la comunicazione di trasferimento proprietà, basta recarsi presso l’anagrafe canina della A.S.L. di residenza, con i seguenti documenti:

  • modello denuncia iscrizione anagrafe canina compilato dal precedente proprietario e sottoscritto sia dal vecchio che dal nuovo proprietario
  • ricevuta del versamento di € 8,00 effettuata a favore della A.S.L. di residenza
  • iscrizione originale all’anagrafe canina
  • fotocopia del documento e del codice fiscale del vecchio e nuovo proprietario

La mancata comunicazione del cambio di proprietà del cane è sanzionata con una multa che va da € 38,00 a € 232,00 euro.

Anagrafe canina: cosa fare se si regala o vende un cane al di fuori della regione

Se il proprietario del cane cede la proprietà dell’animale, a persone che si trovano al di fuori della regione in cui è stato registrato l’animale, il nuovo proprietario ha obbligo di doversi recare presso l’anagrafe canina della A.S.L. di residenza, entro 15 giorni dall’acquisizione del cane, presentando la seguente documentazione:

  • modello di denuncia compilato dal precedente proprietario e sottoscritto sia dal vecchio che dal nuovo proprietario, e timbrato dalla A.S.L.
  • iscrizione originale all’anagrafe canina
  • fotocopia del documento e del codice fiscale del vecchio e nuovo proprietario
  • ricevuta di pagamento bollettino postale di  € 8,00 specificando nella causale che trattasi di cessione cane.

La mancata comunicazione del cambio di proprietà del cane è sanzionata con una multa che va da € 38,00 a € 232,00 euro.

Anagrafe canina: cambio residenza e cambio sede

Il cambio di residenza del proprietario del cane deve essere sempre segnalato alla sede dell’anagrafe canina dell’ASL presso la quale il cane è iscritto. Tale comunicazione, deve essere effettuata recandosi presso l’anagrafe canina della nuova ASL di residenza, entro al massimo 15 giorni dal trasferimento presentando la seguente documentazione:

  • modello di denuncia compilato che può essere utilizzato anche per comunicare all’ASL il cambio di sede abituale del cane.
  • ricevuta di versamento di € 8,00 a favore della nuova A.S.L. di residenza del proprietario
  • documento attestante il nuovo indirizzo.

La mancata comunicazione del cambiamento di residenza del proprietario è sanzionata con una multa da € 38,00 a € 232,00 euro.

 

In caso di smarrimento del cane, il proprietario è obbligato a denunciare immediatamente la scomparsa presso le autorità competenti: Carabinieri e Polizia di Stato o Municipale.

La denuncia di smarrimento cane, va trasmessa all’ASL presso la quale è stato iscritto il cane, entro 15 giorni dalla scomparsa dell’animale allegando anche il modello denuncia.

Smarrimento del libretto di iscrizione anagrafe canina:

In caso di smarrimento del libretto di iscrizione anagrafe canina, il proprietario è tenuto a presentare apposita denuncia alle autorità competenti e trasmetterne poi copia alla A.S.L. di residenza, ai fini del rilascio del duplicato.

Comunicare la morte del cane

In caso di morte del cane, il proprietario, entro 15 giorni dall’evento, dovrà provvedere a darne comunicazione alla A.S.L. di residenza munito di:

  • modello di denuncia
  • iscrizione originale all’anagrafe canina
  • passaporto
  • certificato veterinario attestante la morte;
  • attestazione di avvenuta termodistruzione delle spoglie

 

Per richiedere il rilascio del passaporto anagrafe canina, il proprietario del cane deve recarsi all’ASL competente, munito della seguente documentazione

  • per i cani: documento iscrizione anagrafe canina
  • per i gatti e per i furetti: modello 5 anagrafe rilasciato al momento dell’applicazione del microchip dal proprio veterinario
  • vaccinazione antirabbica in corso di validità
  • certificato di buona salute, rilasciato dal veterinario 24/48 ore prima della richiesta del passaporto.
  • ricevuta di pagamento di € 19,00 da intestare alla A.S.L.
  • Passaporto o ricevuta di pagamento di € 34,00 nel caso in cui  l’A.S.L. debba rilasciare anche il certificato di buona salute.
  • Certificato di vaccinazione antirabbica e Titolazione anticorpale per il rientro dai Paesi Terzi

 

Le sanzioni mancata iscrizione anagrafe canina e felina, sono una violazione agli obblighi previsti dalle singole leggi regionali che garantiscono e riconoscono il diritto di proprietà e responsabilità del padrone nei confronti dell’animale domestico.

Sono previste Sanzioni per mancata iscrizione anagrafe canina, dell’animale domestico, il cui importo varia a seconda del tipo di violazione:

  • Sanzioni Mancata iscrizione all’Anagrafe Canina Regionale, da € 78,00 € 233,00
  • Sanzioni Omessa denuncia di scomparsa, morte e trasferimento di proprietà: da € 78,00 € 233,00
  • Sanzioni Mancata iscrizione di cani provenienti da altre Regioni o dall’estero: da € 78,00 € 233,00
  • Sanzioni Mancata applicazione del microchip entro il terzo mese di vita del cane: da 104,00 € a € 259,00

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

PUBBLICITà »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!