VENAFRO – Cittadini e parenti dei caduti hanno commemorato le 18 vittime civili dei bombardamenti alleati dell’ottobre 1943

faga gioielli venafro isernia cassino
Maison Du Café Venafro
ristorante il monsignore venafro
pasta La Molisana
eventi tenuta santa cristina venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
DR F35 Promozione
DR 5.0 Promozione

VENAFRO – Cittadini e parenti dei defunti hanno commemorato privatamente a Venafro le 18 vittime civili dei bombardamenti alleati dell’ottobre ’43 abbattutisi sulla città. “Mai sin’ora erano stati ricordati tali morti innocenti  -è stato detto tra le motivazioni dell’evento- per cui ci auguriamo che anche i caduti del  4 e 22 ottobre 1943 vengano d’ora in avanti ufficialmente ricordati e commemorati tra le vittime venafrane del secondo conflitto mondiale. Ma soprattutto l’auspicio è che il loro sacrificio valga a educare le nuove generazioni al rispetto del prossimo  e delle idee altrui, alla collaborazione e al rifiuto di ogni forma di violenza, a partire dalla guerra”.

Le cerimonie del pomeriggio  volute da parenti dei caduti e da comuni cittadini : alle 16,30 Santa Messa nella Chiesa del Carmine officiata da Don Salvatore Rinaldi in suffragio delle 18 vittime civili di 72 anni orsono con benedizione della corona di fiori successivamente deposta al Monumento ai Caduti di tutte le guerre in piazza Vittorio Veneto.

Luogo di culto gremito, magnifico coro della parrocchia di Don Orione e al termine del rito interventi di Tonino Atella e Francesco Giampietri a ricordare gli scomparsi, esponendo le motivazioni alla base della commemorazione. Quindi gli uomini dell’Associazione Carabinieri in congedo hanno preso in consegna la corona portandola al Monumento ai Caduti di piazza Vittorio Veneto, seguiti da parenti e cittadini. Dinanzi al Sacrario, e presenti tantissimi cittadini, ha preso la parola Mario Giannini che ha sottolineato importanza e significato delle cerimonie del pomeriggio, quale segno di civiltà, amore e solidarietà.

Il tutto in onore di Fernando Ottaviano, Nicandro Vaccone, Antonio Giannini, Giacinta Leva, Giuseppina Verrecchia, Maria Carmela Iannacone, Babina Policella, Giovanni Colangelo, Emilia Tagliaferri, Paolo Andreozzi, Lucio Andreozzi, Luigia Conte, Crescenzo Ricchiuti, Giacomina Natale, Clara Natale, Filomena Natale, Michelina Testa e Mario Vaccone, appunto le vittime civili del 4 e 22 ottobre 1943.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

venafro farmaciadelcorso glutenfree
colacem
panettone di caprio
Futuro Molise
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Futuro Molise
panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone artigianele natale di caprio
colacem
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: