ISERNIA – Vertice Fi, Udc e Fd’I: “pieno sostegno a Ditri per la presidenza della Provincia e no alle candidature imposte”

stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
vaccino salva vita
mama caffè bar venafro

ISERNIA – Pieno sostegno al sindaco di Longano Ditri, in corsa per la presidenza della Provincia di Isernia, e no alle candidature “imposte”. Questi alcuni dei temi affrontati sabato a Isernia tra i vertici provinciali di di Forza Italia, Udc e Fratelli d’Italia.

Alla riunione, ospitata all’Hotel Europa, erano presenti per Forza Italia Ivan Forte e Raimondo Fabrizio, per l’Unione di Centro Mimmo Izzi e per Fratelli d’Italia Alessandro Altopiedi.

“Un’occasione utile intanto – si legge in una nota congiunta dei tre partiti – per ribadire il sostegno al sindaco di Longano, Antonio Ditri, impegnato per l’elezione del Presidente della Provincia di Isernia che vedrà tutti gli amministratori in carica dei comuni del territorio provinciale impegnati al voto il prossimo 26 novembre. Un metodo, quello che ha portato alla scelta di Ditri, avvenuta attraverso un coinvolgimento partecipativo al processo decisionale di tutti i Sindaci di centro destra, che è sintomatico di una nuova visione, di condivisa concertazione contro ogni forma di candidatura “imposta”, portata avanti dai partiti di centro destra al fine di evitare gli errori del passato e che non è escluso possa essere utilizzato, con forme e tempi ancora da delineare, in vista delle elezioni comunali di Isernia, previste nella primavera del prossimo anno”.

Durante l’incontro è stato inoltre espresso pieno e convinto apprezzamento per le iniziative portate avanti dall’Anm Molise per scongiurare la paventata soppressione del distretto giudiziario molisano.

“Una soppressione – sottolineano nella nota – che comporterebbe la chiusura di fondamentali presidi di legalità in una Regione come la nostra su cui già da tempo, ed in maniera per fortuna limitata dall’ottima azione delle forze dello Stato, si estende la longa manus della criminalità proveniente da Puglia e Campania.

Un provvedimento che, laddove approvato, genererebbe inoltre effetti economici e sociali disastrosi per la comunità molisana oltre a costituire il probabile primo passo verso un riordino delle Regioni che metterebbe anche in seria discussione la sopravvivenza stessa del Molise.

In effetti, la chiusura della Corte d’appello determinerebbe a cascata un pericoloso circolo vizioso con la conseguente chiusura di numerosi uffici pubblici e la fisiologica contrazione di attività private (banche, assicurazioni, esercizi commerciali, libere professioni) con il rischio di desertificare demograficamente ed economicamente un territorio, quello molisano, già pesantemente colpito dalla crisi economica che ne ha distrutto i principali poli occupazionali”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
esco fiat lux
error: