ISERNIA – Omicidio De Luca, la Procura: “I due indagati esecutori di un’aggressione decisa da più persone”

Maison Du Café Venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
pasta La Molisana
faga gioielli venafro isernia cassino
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
eventi tenuta santa cristina venafro
ristorante il monsignore venafro

ISERNIA – Potrebbero essere gli esecutori materiali di un’aggressione decisa da più persone. E’ questo uno dei particolari emersi dall’inchiesta della Mobile di Campobasso che ha portato  all’arresto di Francesco Formigli e Aniello Sequino, accusati di omicidio volontario premeditato aggravato per la morte, avvenuta un anno fa, di Fabio De Luca (45enne di origini romane), a seguito di una aggressione nel carcere isernino di Ponte San Leonardo. I due di 44 e 26 anni sono stati rinchiusi nel penitenziario di Campobasso, così come disposto dal gip del tribunale pentro Elena Quaranta. Un’indagine non ancora conclusa, ma che ha portato ai primi importanti risultati, illustrati in conferenza stampa dal procuratore capo Paolo Albano. La vittima è stata descritta come una persona particolarmente litigiosa, che pare avesse preso di mira il gruppo di detenuti napoletani. E per questo gli inquirenti non escludono che proprio il suo atteggiamento possa aver scatenato la violenza nella “cella 110”, che ha dato il nome all’operazione.

deluca1

Inizialmente il decesso del 45enne romano (morto dopo giorni di agonia all’ospedale Cardarelli di Campobasso) venne attribuito a una caduta accidentale da un letto a castello. Una versione che però ha sempre convinto poco gli investigatori. Dubbi confermati prima dai filmati delle telecamere, poi dall’autopsia: ha stabilito che la vittima era stata colpita più volte alla testa con un oggetto contundente liscio, forse un pugno o una spranga ricoperta con un panno. L’arma del delitto non è stata ritrovata e ci sono ancora dei tasselli da mettere insieme per avere un quadro completo di quanto accaduto quella sera di un anno fa. “Siamo convinti – ha detto il procuratore Albano – che i due indagati siano stati gli esecutori materiali di un’aggressione decisa da più persone”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio
colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
Futuro Molise

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
Futuro Molise
colacem
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: