SANITA’ – San Timoteo – Cardarelli è scontro tra le Uoc Otorinolaringoiatra

pasta La Molisana
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro

CAMPOBASSO – Nelle stesse ore in cui la rete di cittadini, comitati, sindacati e movimenti annuncia “unità”, istituendo un unico Forum in difesa della Sanità pubblica, ovvero “un catalizzatore che ha l’ambizione di coinvolgere tutti i soggetti civici e politici che vorranno perseguire, in ogni sede, la difesa del diritto a ricevere cure, così come la Costituzione sancisce“, c’è divisione tra il direttore della Uoc Otorinolaringoiatra di Termoli, dr. Serafini, e l’omologo di Campobasso, dr. Antonio Carissimi.
A creare attrito tra i due sarebbero state alcune dichiarazioni di Serafini che, nel commentare i piani operativi, avrebbe lamentato “una sorta di favoritismo” nei confronti dell’Unità operativa di Campobasso. Proprio quest’ultima si sarebbe vista assegnare 4 posti letto a fronte dei 2 in Day Hospital, previsti per l’UOC termolese.
Per rivendicare a sé quei posti letto, Serafini avrebbe definito l’Ospedale Cardarelli un “tugurio”, un posto che “non funziona”, aggiungendo come i “risultati di fatturato”, raggiunti dalla UOC da lui diretta, fossero di gran lunga superiori rispetto a quelli del capoluogo.
Dichiarazioni queste che hanno mandato su tutte le furie il direttore campobassano: “nello sforzo di rivendicare per sé il giusto spazio, il dr. Serafini ha, sono certo inconsapevolmente, gettato più di qualche ombra sulla competenza e la professionalità, non soltanto del sottoscritto, che da anni ormai regge e dirige l’UOC di Campobasso, ma anche di tutti quegli operatori sanitari che quotidianamente operano con grande impegno e dedizione presso il Cardarelli. Qui operano colleghi e personale sanitario sulle cui capacità e sul cui attaccamento al lavoro non è lecito avanzare alcun dubbio”.
Secondo Carissimi, i risultati di fatturato dipenderebbero soltanto dalla disponibilità delle sale operatorie. A Campobasso la disponibilità è di una sola volta alla settimana, a fronte delle tre di Termoli, “ed i fatturati, per un reparto chirurgico – chiosa – si fanno soprattutto con l’attività chirurgica“. “L’UOC di Otorinolaringoiatria del Cardarelli – continua  – ha una lista di 300 pazienti, regolarmente certificati, in attesa di intervento e, quindi, il fatturato basso dipende solo dalla poca possibilità di operare“.
E così, dopo la guerra a suon di “vulnerabilità” tra SS. Rosario di Venafro e Veneziale di Isernia, una nuova battaglia si registra nel campobassano, quella di conti tra San Timoteo e Cardarelli.

 

 

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

festa della donna, telefono rosa, colacem
colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
festa della donna, telefono rosa, colacem
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: