RIFORME – Dopo due secoli di vita è stato abolito il “corpo forestale dello Stato”

ristorante il monsignore venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
Smaltimenti Sud
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
pasta La Molisana
Maison Du Café Venafro
eventi tenuta santa cristina venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

P.A. – Il provvedimento è contenuto nella riforma della Pubblica Amministrazione che prevede la soppressione del Corpo Forestale dello Stato e l’istituzione del Comando per la Tutela Forestale, Ambientale e Agroalimentare all’interno dell’Arma dei Carabinieri. “Con la riforma – afferma in una nota il ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina – riorganizziamo le funzioni di polizia impegnate sul fronte agroambientale, dotando l’Italia di una moderna struttura in grado di assicurare sempre meglio prevenzione e repressione su questo fronte. Uniamo le forze e potenziamo gli strumenti operativi. Il nuovo Comando assicurera’ professionalita’, specializzazione e un ramificato presidio del territorio rappresentando di certo una delle esperienze piu’ avanzate d’Europa“.

Con la soppressione del Corpo forestale, ben settemila forestali degli 8.500 che compongono il corpo passeranno nell’Arma dei Carabinieri. La forza di polizia ad ordinamento civile, specializzata nella tutela del patrimonio naturale e paesaggistico, nella prevenzione e repressione dei reati in materia ambientale e agroalimentare si appresta a chiudere i battenti dopo la decisione presa il 20 gennaio dal Cdm in attuazione della riforma della Pa. Finora preposto alla sorveglianza dei Parchi, delle Aree Naturali Protette e delle 130 Riserve Naturali dello Stato, ha svolto progetti di ricerca e conservazione nonché attività di educazione ambientale. Tra le competenze quella di verificare il territorio attraverso il controllo di discariche incontrollate, sversamenti illegali, inquinamento delle falde acquifere, distruzione e deturpamento delle bellezze naturali, incendi ed abusivismo edilizio sono solo alcuni dei fenomeni che impegnano il personale della forestale in tutte le sue articolazioni territoriali, dai comandi stazione ai nuclei investigativi specializzati. Ma quanto costava tenere in piedi il Corpo Forestale? Nel 2013 la spesa complessiva stanziata dal Governo è stata pari a 496.189.606 euro, somma destinata essenzialmente alle spese fisse di personale (90% dell’intero stanziamento). La restante parte, pari a poco più di 30 milioni di euro, è dedicata a spese per il funzionamento degli uffici, di missione per il personale, funzionamento del parco automezzi, manutenzione ordinaria degli immobili, acquisto vestiario ed equipaggiamento, servizio sanitario (compreso il ”medico competente”), gestione delle aree protette e parziale funzionamento della flotta elicotteristica. Per quest’ultima voce è stato concesso un ulteriore finanziamento di 5,0 milioni di euro, destinato anche a dare una copertura al funzionamento della flotta ”pesante”, costituita da 4 elicotteri Erickson S 64 F per lo spegnimento degli incendi boschivi, gestiti fino all’anno 2012 dal Dipartimento della Protezione Civile. Per fare un paragone, l’Italia si è impegnata ad acquistare 90 caccia F35 per una spesa di 14 miliardi di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
colacem
Futuro Molise
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

venafro farmaciadelcorso glutenfree
faga gioielli venafro isernia cassino
Futuro Molise
panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: