CORTE DI APPELLO – Mobilitazione a 360° di tutte le forze istituzionali e popolari

mama caffè bar venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana

CAMPOBASSO – E’ una battaglia senza soste e con un ampio schieramento di forze quella sostenuta contro la cancellazione della Corte di Appello di Campobasso. Tra queste l’Ordine dei giornalisti del Molise capofila di una vertenza ancora più ampia all’interno della quale potrebbero essere coinvolte altri presidi istituzionali importantissimi per la democrazia e la sopravvivenza della Regione. Ieri mattina presso la sede dell’Odg del Molise a Campobasso si sono dati appuntamento le Associazioni, i Comitati e gli ordini professionali a sostegno della Corte di Appello di Campobasso. Qui il presidente Antonio Lupo ha comunicato che l’Ordine, su proposta dei soggetti aderenti, è stato prescelto come sede simbolica e operativa delle iniziative che mirano a difendere l’organo giudiziario ora presente nel capoluogo di regione, mentre i parlamentari Roberto Ruta, Laura Venittelli e l’europarlamentare Aldo Patriciello hanno fornito il loro contributo sul piano delle attività istituzionali in atto e sulle future iniziative unitamente agli avvocati Demetrio Rivellino e Marciano Moscardino, presidenti degli ordini forensi di Campobasso e Isernia. Sono intervenuti al dibattito anche alcuni ex consiglieri regionali come Franco Mancini e il presidente dell’Associazione Gasperino Di Lisa. Questi ultimi, tra l’altro, hanno ricordato le vecchie battaglie nel segno dell’autonomia, a sostegno della Regione e dell’Università e le minacce da tempo lanciate al Molise per la disgregazione della sua identità amministrativa politica e giudiziaria.  Sul fronte della politica locale il presidente del consiglio regionale Vincenzo Cotugno ha annunciato che presto organizzerà una conferenza stampa per illustrare le iniziative attraverso le quali verranno coinvolte anche le associazioni molisane all’estero, molte delle quali hanno aderito al Comitato con ufficiale informativa al Consiglio regionale. Il presidente del Comitato unitario per la Provincia di Isernia Gianpaolo Canè e le rappresentanti delle associazioni dei consumatori hanno evidenziato lo stato dell’arte con riferimento alla raccolta di firme in atto già da qualche mese.  I lavori della lunga mattinata sono stati chiusi dal presidente dell’Associazione magistrati, Vincenzo Di Giacomo, che, sostenendo quanto sia necessario in un momento del genere la permanenza di un presidio importantissimo per la collettività molisana, ha evidenziato la necessità di  allargare la competenza della Corte di Appello di Campobasso al Sannio Beneventano e al basso Abruzzo quindi all’area di Vasto. Una proposta che presuppone  un accorpamento più ampio dal punto di vista giudiziario e che giustificherebbe anch’esso certi presupposti tecnici e logistici tutto sommato favorevole alla sede campobassana. Una soluzione quindi su cui i magistrati di Campobasso stanno lavorando e che potrebbe annullare la cancellazione  per evitare quella frantumazione a tappe iniziata da lontano e da tempo di un regionalismo ormai consolidato e quindi di un’ autonomia che al suo interno contiene tante piccole <autonomie e democrazie> che verrebbero lentamente smantellate e portate nella concezione di una macroregione dove il Molise sarebbe una piccola provincia di periferia con nessun potere e voci e luoghi  di riferimento.

Aldo Ciaramella

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail
NOTIFICA PER PUBBLICI PROCLAMI in ottemperanza alle ordinanze del TAR Molise nn. 162/2020 e 88/2021, rese nel giudizio N.R.G. 186/2020

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

NOTIFICA PER PUBBLICI PROCLAMI in ottemperanza alle ordinanze del TAR Molise nn. 162/2020 e 88/2021, rese nel giudizio N.R.G. 186/2020

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: