VENAFRO – Allagamenti, danni e pericoli. Si ara anche nei fossi consortili

pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud
vaccino salva vita

AGRICOLTURA – Nella piana di Venafro si ara anche nei fossi consortili di scolo delle acque piovane, creando i presupposti per allagamenti, danni e pericoli per gli abitanti delle zone interessate.

Un fenomeno che si ripete con buona frequenza e che crea le premesse per potenziali pericoli e danni futuri a persone e cose. Ciononostante chi dovrebbe intervenire per prevenire che tanto avvenga -leggi il Consorzio di Bonifica della Piana di Venafro- poco o nulla fa per arginare il fenomeno, pur in presenza di continue segnalazioni. Parliamo dell’abitudine, meglio della pessima abitudine di taluni agricoltori (per fortuna non di tutti) che coi loro trattori non si limitano ad arare e preparare per l’imminente semina i soli e propri terreni di proprietà, o gli appezzamenti che conducono a mezzadria o che hanno in fitto, ma spesso e volentieri vanno ben oltre arrivando addirittura ad arare nei fossi consortili di scolo delle acque piovane, servizi indispensabili e necessari per il deflusso di quanto Giove Pluvio manda giù dal cielo e quindi per evitare allagamenti e danni alle cose, e soprattutto pericoli alle persone. Niente, non ci si ferma dinanzi a nulla pur di guadagnare qualche metro di terra da seminare, nonostante la norma imponga di fermarsi a debita distanza dai canali di scolo! In effetti capita con buona frequenza che i mezzi a motore affondano i loro bracci meccanici per l’aratura sin nei canali consortili di scarico, ne alterano la composizione, ne rovinano la funzione e creano le premesse, è bene tornare a sottolinearlo, per potenziali danni e pericoli ad altri. Questi ultimi, preoccupati da siffatta situazione, più volte hanno segnalato la cosa all’ente di bonifica venafrano, cui compete la tenuta di tali canali, ma il Consorzio sin’ora non intervenuto a prevenire e controllare quanto accade. Nel merito lo sfogo più che plausibile di un residente della pianura, esposto a siffatte situazioni: “Ho più volte segnalato quanto avviene con l’aratura sin nei canali di scarico delle acque piovane -afferma il nostro- ma sin’ora è servito a ben poco. C’è qualche agricoltore che si ostina ad arrivare con l’aratro in tali canali di scarico, rovinandoli e creando le premesse per esondazioni, allagamenti, danni e pericoli. Si chiede a tali lavoratori della terra maggiore senso di responsabilità e al Consorzio di Bonifica di Venafro la necessaria opera di tutela e controllo del territorio nell’interesse collettivo. La richiesta affinché si possa vivere tutti in tranquillità senza stare a temere il peggio per i comportamenti di pochi”.

Tonino Atella

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: