CAMPOBASSO – Scuola e commercio ricomincia la protesta

vaccino salva vita
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro

CAMPOBASSO – Giornata di mobilitazione a Campobasso. La protesta davanti la Prefettura ha riguardato i precari della scuola e il commercio. I primi chiedono e si faranno sentire anche nei prossimi giorni, l’apertura di una trattativa che, in vista della pubblicazione del bando di concorso a cattedre, affronti il le problematiche dei precari della scuola che hanno diritto alla stabilizzazione. Una delegazione di insegnanti è stata ricevuta dal Prefetto a cui ha  chiesto  di poter continuare a lavorare per la scuola pubblica. Il rappresentante di Governo di Campobasso dopo aver ascoltato con molta attenzione le richieste e molte storie di vita personali dei docenti precari, ha assicurato il suo impegno per portare all’attenzione della Presidenza del Consiglio dei Ministri le istanze dei precari. La via di mediazione attraverso la Prefettura è un obiettivo messo in campo dai sindacati di categoria in tutta Italia affinché le stesse Prefetture si facciano garanti di richieste unitarie riguardanti tutti gli insegnanti del Paese:< Il piano nazionale di assunzioni derivante dalla legge 107  – sottolinea la Flc Cgil  – non ha risolto il problema del precariato storico, perché ha evitato di guardare al precariato della scuola come a quel corpo unico che in questi anni ha provveduto al regolare funzionamento delle scuole. Il piano nazionale di assunzioni non ha voluto gestire una fase straordinaria di cui i precari non hanno responsabilità, tutta da attribuire a una politica perversa che ha alimentato in questi anni la speranza di lavoro, per poi toglierla senza una reale motivazione e senza prendere in considerazione neanche la sentenza della Corte di Giustizia  Europea>. I sindacati chiedono, quindi, l’apertura di una trattativa sulle modalità e sui tempi di espletamento del bando di concorso e la necessità che contemporaneamente si definisca un piano pluriennale di stabilizzazioni. <Si deve fare in modo di garantire il futuro del proprio lavoro – sottolineano i sindacati di categoria  –  a coloro che da anni lo portano avanti con professionalità e competenza e ai docenti della scuola dell’infanzia esclusi dall’assunzione nella fase del potenziamento>. Augurandosi che inizi un confronto con il Governo e si prepari un bando per il concorso, le sigle sindacali Cgil Cisl Uil scuola Gilda e Snals annunciano grande mobilitazione su tutto il territorio regionale. In coda alla protesta anche quella del commercio. Le richieste sono quelle relative alle aperture domenicali da rivedere per ridare spazi e tempi di vita sociale alle famiglie e di un nuovo Piano del commercio dove di regolamenti l’intero settore. La Uiltcs in tal senso annuncia forte battaglia con il governo regionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
colacem
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: