POLITICA – Salvini: “Se gli ospedali chiudono è la Regione che è incapace”

Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Maison Du Café Venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
eventi tenuta santa cristina venafro
ristorante il monsignore venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia

ISERNIA – C’erano circa 400 persone ad accogliere Matteo Salvini all’Auditorium Unità d’Italia. Tanti i temi trattati dal leader del Carroccio. Dall’immigrazione al lavoro, dalle banche alle macroregioni. In molti si sono fermati ad ascoltare l’esponente della Lega Nord, che è riuscito a strappare anche numerosi applausi.
Nel corso di una conferenza stampa, Salvini ha ribadito il suo impegno “a non fare come Renzi” ossia una “toccata e fuga“. Per la prima volta in Città, è arrivato – ha detto – per “imparare, ascoltare e ammirare bellezze che non conosceva”.
A chi invece nella Capitale lo ha criticato per il suo viaggio a Isernia, una visita inutile in una cittadina di pochi abitanti, ha risposto: “Ascoltare i cittadini è sempre utile, se qualcuno a Roma non capisce che anche i 20mila di Isernia hanno diritto al lavoro, alla casa, alla sicurezza e ad una sanità decente, vuol dire che non ha capito niente. Mi interessa esserci venuto per ascoltare, capire e tornarci con candidati e programmi concreti, non con promesse o bacchette magiche, ‘regaleremo 80 euro’: un po’ di lavoro in più e un po’ di sicurezza in più”.
In merito alla Sanità molisana ha commentato: “In questo caso non si può incolpare né l’Europa, né il Governo centrale. Dipende solo dalle Regioni, se la Sanità funziona è merito della Regione, se non funziona e gli ospedali chiudono vuol dire che il Governo regionale è incapace. Lascio giudicare a voi come va la sanità in Molise: di chi sono i meriti e i demeriti”. Poi la sua soluzione: “Costi standard per fare la stessa cosa, per un’appendicite devi spendere la stessa cifra in tutti gli ospedali, altrimenti va a discapito di operatori e utenti. E chi sbaglia deve pagare. Qua qualcuno mi sembra ha sbagliato, ma nessuno ha mai pagato”.
Matteo Salvini è già proiettato alle prossime competizioni elettorali: “Guardo al nuovo, al cambiamento, voglio sfidare Renzi a livello nazionale, è per questo che anche a Isernia proponiamo al centrodestra, senza imporre niente a nessuno, con umiltà e trasparenza, un candidato con esperienza come Mazzuto e una squadra giovane, che non ha mai fatto politica“.
Alla coalizione ricorda: “solo uniti si vince, se ognuno pensa al proprio orticello, se prevalgono gli egoismi di partito, Renzi campa 100 anni!”.
Lo stesso nel capoluogo pentro: ” Se il centrodestra ne candida tre, perdono in tre”.
Sull’ offerta per Isernia poi aggiunge: “Bisogna partire dal territorio, non c’è una proposta calata da Salvini. Certo è che uno dei temi importanti da affrontare è il lavoro: se una città fa scappare i suoi giovani è una città morta”.
A quanti gli hanno fatto notare che solo qualche anno fa, difendeva i confini della Padania, mentre ora si è allargato a quelli italiani ha risposto: “Prendiamo atto dei tempi che cambiano, se i 3/4 delle leggi arrivano da Bruxelles, le battaglie diventano nazionali. Questo però non esclude il federalismo, che per me resta valido. L’Italia sta bene e resta insieme solo se valorizza le proprie identità. L’Italia però riparte se riparte tutta. Da nord a Sud“.
Sui finanziamenti destinati al Molise per l’area di crisi complessa ha poi affermato: “Troppi soldi sono stati spesi male negli scorsi decenni, sono spariti o non sono arrivati ai cittadini del sud:  pensiamo alle autostrade che non ci sono o alle ferrovie a binario unico. Ben vengano i soldi al Molise, se non sono utilizzati per Cattedrali nel deserto, se non sono sprecati“.
Critico sul Governo di centrosinistra:
L’economia e l’immigrazione stanno condannando Renzi.
I dati sulla disoccupazione, sulla criminalità e sull’insicurezza dimostrano che questo Governo non sta ottenendo quasi niente. Renzi sa che le bugie le puoi dire una volta, le puoi dire due volte, dopo la terza se non tocchi la Legge Fornero o se non freni l’immigrazione clandestina, la gente si incazza e chiede il conto, si è accorto che la sua narrazione che  tutto va bene e che l’Italia cresce probabilmente scricchiola”. Sull’avvicinamento politico di Renzi e Verdini, definito “Compravendita di carne umana”, ha detto ancora: “C’è chi affitta uteri e chi affitta parlamentari. Nel nostro progetto politico – ha continuato– c’è il vincolo di mandato. Se vieni eletto con una maglietta non te la togli durante il percorso, ti dimetti nel rispetto degli elettori. Quelli eletti con Fi e che ora sostengono Renzi mi fanno pena“.

salvini a Isernia salvini auditorium

Salvini

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
colacem
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: