TRUFFE AGLI ANZIANI – In due mesi 19 casi, si corre ai ripari nelle Chiese

Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
ristorante il monsignore venafro
eventi tenuta santa cristina venafro

ISERNIA – “Un fenomeno vile e fastidioso“, così il comandante provinciale dei carabinieri di Isernia, Marco Cuccuini, ha definito le truffe ai danni degli anziani che, nei primi due mesi di quest’anno, hanno già fatto registrare, nell’isernino, 19 casi. Il 58% per fortuna scoperto.
Lo ha affermato nel corso di una conferenza stampa indetta questa mattina, insieme alla Diocesi di Isernia Venafro, al Comando provinciale di Ponte San Leonardo, sottolineando come  tali reati, anche grazie all’impegno di carabinieri e delle altre forze di polizia, siano diminuiti da 102 casi del 2012 a 77 nel 2015.
Presenti all’incontro con la stampa anche il comandante del Nucleo Investigativo Salvatore Vitiello e il comandante della Compagnia di Isernia Michele Canfora.
Il ten. col. Cuccuini e il vescovo, Camillo Cibotti, hanno poi annunciato l’avvio, d’intesa con la Prefettura di Isernia, di un’importante iniziativa: un ciclo di incontri nelle parrocchie per prevenire i fenomeni delle truffe che vedono sempre più spesso quali vittime gli anziani facilmente raggirabili. Gli appuntamenti (14 marzo alle 16.30 nella Cattedrale di Isernia, il 30 marzo 17.30 nella chiesa di San Giuseppe Lavoratore e l’8 aprile alle 16.30 presso la Madonna delle Rose a Venafro)  verteranno in una serie di consigli pratici e suggerimenti per mettere in guardia la popolazione. E sarà distribuito un vademecum redatto dal Comando provinciale.
I paesi della provincia, dove si assiste a un progressivo invecchiamento della popolazione, a un continuo spopolamento, con anziani spesso costretti a vivere in solitudine, sono terreno fertile per i malfattori che ne carpiscono la fiducia, facendo leva sulla buona fede e sui sentimenti, approfittando di uno stato di difficoltà.  Creano così ha dichiarato il comandante –non solo un danno materiale, sottraendo denaro e oggetti di valore, magari i risparmi accumulati con tanto sacrificio e sempre più spesso custoditi in casa, ma soprattutto creano un danno psicologico a queste persone. E’ per questo che la sicurezza non può essere competenza esclusiva delle forze dell’ordine, ma dev’essere sicurezza integrata con le altre Istituzioni. Una sicurezza partecipata”.
Da qui l’iniziativa congiunta. “Porteremo nelle parrocchie il nostro contributo – ha aggiunto – per evitare che questi spiacevoli episodi si verifichino”.
Ho espresso da subito il mio plauso a questa iniziativa, un segno di attenzione a chi si chiude nel silenzio e nel segreto della propria casa. Massima disponibilità da parte mia e dei parroci ad ospitare le forze dell’ordine – ha commentato il vescovo Cibotti, che ha voluto sottolineare come siano state le stesse persone anziane a chiedere una maggiore attenzione al fenomeno, offrendo sicurezza alle categorie più fragili e indifese, vittime più vulnerabili.
La sfiducia nei confronti delle Istituzioni  e degli Istituti di credito – ha continuato Cibotti – sta riportando in vita un’usanza quasi del tutto scomparsa: custodire i soldi sotto il mattone. Questi furti li privano non solo di tutti i risparmi, ma arrecano loro gravi conseguenze psicologiche, minano la fiducia in se stessi e danno la consapevolezza della solitudine“. Nel corso dell’incontro il vescovo ha voluto richiamare l’attenzione sulle violenza nei confronti delle donne. A loro l’appello: “Chi vive episodi di violenza in casa deve avere il coraggio di contattare le forze dell’ordine e denunciare“.

Il comandante ha voluto elargire anche alcuni consigli: “Non aprite la porta agli sconosciuti, non accettate in pagamento assegni da estranei – ha detto – In questo momento storico diffidate da tutto e da tutti“.
Meno categorico il vescovo Cibotti: “La fiducia va data alle persone giuste. Io direi – ha controbattuto – più che diffidenza, prudenza”.

vescovo carabinieri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
pasticceria Di Caprio
Maison Du Café Venafro
Futuro Molise
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone di caprio
Futuro Molise
faga gioielli venafro isernia cassino
colacem
pasticceria Di Caprio
Maison Du Café Venafro

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

Aziende in Molise »

  • Maxi affari

    MAXI AFFARI

    by on
    Maxi affari srls SS85 Venafrana, 25+600 86077 Loc. Trivento Pozzilli (IS) © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Bar il Centrale Venafro

    BAR IL CENTRALE

    by on
    Bar il Centrale Corso Campano, 34 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 904280 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • power car officina meccanica venafro

    POWER CAR

    by on
    Power Car srls SS 85 Venafrana, 10 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 900951 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • ASSIKURA ASSICURAZIONI

    by on
    Assikura assicurazioni di Siravo Fabrizio Via Alessandro Volta n. 4, 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 250669 Cell. 335 1550250 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Forte Carni E Salumi La Porchetta

    FORTE CARNI E SALUMI LA PORCHETTA

    by on
    “Forte” Carni E Salumi La Porchetta Via Atinense, 86077 Pozzilli (IS) Telefono 371 3358072 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • La Taverna di Camillo

    LA TAVERNA DI CAMILLO

    by on
    La Taverna di Camillo Via Maria Pia di Savoia, 125 – 86079 Venafro (IS) Telefono 342 1267431 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • DIMENSIONE SPORT

    by on
    Dimensione Sport Corso Campano, 173 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 902217   © RIPRODUZIONE RISERVATA
error: