CISL MOLISE- Quattro famiglie su dieci sono a rischio povertà

stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
eventi tenuta santa cristina venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
pasta La Molisana
ristorante il monsignore venafro
Maison Du Café Venafro

CAMPOBASSO – La Cisl territoriale lancia l’allarme. Il Molise risulta essere la Regione più colpita dalla recessione iniziata nel 2008. I redditi sono sensibilmente più bassi rispetto alla media nazionale, ma ancor più grave è il solco che divide gli stessi cittadini: il 70% della popolazione non arriva a percepire nemmeno il 40% del reddito regionale. Quattro famiglie su 10 sono a rischio di povertà o di esclusione sociale. La crisi ha ridotto le risorse ed il potenziale produttivo della regione. <La caduta della domanda interna e la flessione degli investimenti – rileva la Cisl – hanno contribuito ad indebolire il sistema delle imprese, che si è rivelato poco competitivo. Moltissime aziende sane, non solo quelle inefficienti, non sono state in grado di superare un periodo di recessione così lungo e impegnativo>.L’edilizia in cima alla crisi:< Particolarmente grave è la situazione del settore edile, che ha perso la metà degli addetti. Scende sensibilmente la cassa integrazione, si dimezza l’ordinaria, va esaurendosi la deroga, resta solo un’impennata della straordinaria nell’area di Campobasso>. Il 2014 segna la svolta anche per l’occupazione, che torna a risalire. Ma oggi, rispetto ai livelli del 2008, mancano ancora 11 mila posti di lavoro. Crescono finalmente i contratti a tempo indeterminato, a fronte di una dinamica molto debole dei contratti a termine. Il tasso di attività, che registra le persone che lavorano, o vorrebbero lavorare, è ancora troppo lontano dalla media nazionale:<Negli ultimi anni, molti paesi europei hanno deciso di mettere in atto misure di politica industriale per rilanciare lo sviluppo. In Italia l’intervento pubblico a sostegno delle imprese è stato invece drasticamente ridimensionato, a scapito soprattutto del meridione>. La  Cisl molisana ritiene, pertanto, indispensabile una riqualificazione del modello di specializzazione produttiva fermamente decisa a  sostenere i processi di aggregazione delle piccole imprese e favorire l’insediamento delle medie aziende, orientate verso mercati esterni. Ultima analisi e l’urgenza al potenziamento della ricerca, dell’innovazione e del trasferimento tecnologico; vanno infine migliorate le condizioni di accesso al credito e ai mercati dei capitali. In quest’ottica tra le sue iniziative domani nella sala della Costituzione della Provincia di Campobasso terrà un incontro di riflessione e di dibattito con le autorità regionali provinciali e con alcune categorie sindacali sul tema “Area di crisi complessa opportunità di rilancio per il territorio, sviluppo e occupazione>.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone artigianele natale di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone di caprio
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone artigianele natale di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
venafro farmaciadelcorso glutenfree
colacem
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: