SANITA’ – Frattura Ruta e Leva rispondono alla Cattolica

stampa digitale pubblicità black&barry venafro
vaccino salva vita
mama caffè bar venafro
pasta La Molisana
Smaltimenti Sud

CAMPOBASSO – Ignara di quanto accade o è accaduto sulla possibile trasformazione della governance della Cattolica, fino a un certo punto. Frattura, Leva e Ruta dopo gli annunci sulla riconversione amministrativa della struttura universitaria di Tappino e le immediate reazioni della Fondazione sull’impossibilità di cambiare la guida gestionale della futura integrazione Cardarelli Cattolica, rispondono e puntualizzano:< Il confronto avviato con le istituzioni, le parti sociali, gli ordini professionali, le associazioni e i comitati sulla proposta di cambio della governance della Fondazione “Giovanni Paolo II” non è un confronto basato su invenzioni e chiacchiere, non è irrituale né poco istituzionale: arriva al termine di uno studio di fattibilità corredato da approfondimenti giuridici e amministrativi. Non è nostro costume agire senza avere contezza della fattibilità delle nostre proposte. Se abbiamo promosso un confronto pubblico sull’ipotesi di mutamento della governance della Fondazione, lo abbiamo fatto soltanto dopo averne preventivamente accertato la praticabilità>. Il Governatore Frattura così come i due parlamentari sottolineando che la praticabilità della proposta avanzata “ammissibile sotto il profilo giuridico” era nella consapevolezza della Cattolica, giudica lo stupore e il disappunto di quest’ultima fuori luogo:< con un impegno evidentemente mirato a sbugiardare non certo noi, ma quanto noi abbiamo provato a costruire con i vertici dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Abbiamo ricordato al Rettore Anelli i diversi incontri avuti nella fase di gestazione dell’ipotesi stessa: probabilmente – e ne facciamo ammenda – siamo stati troppo vaghi. Una ricostruzione più precisa sarà di supporto per tutti. Documenti e pareri agli atti aiuteranno il Rettore Anelli e il direttore amministrativo dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Professor Marco Elefanti, e, prima di loro, noi, a ripercorrere passo passo le varie tappe della vicenda>. Quindi i tre fanno la storia e riportano l’evoluzione della vicenda evidenziando come <il 1 marzo 2016, e prima ancora il 26 febbraio, come si evince dalle due mail allegate, il Professor Elefanti inviava all’indirizzo di posta elettronica del presidente della Regione Molise un parere legale relativo alla ipotesi di cambio della governance della Fondazione. L’invio faceva evidentemente seguito a quanto prospettato dal presidente Frattura, dal senatore Ruta e dall’onorevole Leva>. Il parere come riportato da Frattura Leva e Ruta da parte dell’Università Cattolica del Sacro Cuore sarebbe <ovviamente ammissibile sotto il profilo giuridico>. E qui uno scambio di accuse su quanto successo nei giorni passati e perciò sulle risposte e dichiarazioni di Fondazione e Cattolica:<Non è nostra la volontà politica di contrastare lo sviluppo – concludono il presidente e i due parlamentari – , fino a far cessare l’esperienza dell’istituzione no-profit che l’Università e la Fondazione rappresentano per il Molise: queste sono accuse pesanti e gravi ma totalmente infondate. Formalizzeremo la proposta, della quale siamo sempre più convinti, all’Università e alla Fondazione, solo se ci sarà un’ampia condivisione da parte delle istituzioni e del partenariato con i quali ci stiamo confrontando: noi lavoriamo così>.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
colacem
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: