SANITA’ – “Zuffa” tra medici

pasta La Molisana
eventi tenuta santa cristina venafro
DR 5.0 Promozione
faga gioielli venafro isernia cassino
Smaltimenti Sud
DR F35 Promozione
Maison Du Café Venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
ristorante il monsignore venafro

CAMPOBASSO – Una sanità allo sbando dove ora anche gli operatori del settore ci mettono del proprio per creare condizioni che certamente si ripercuotono su chi deve ricevere il diritto alla cura e all’assistenza. Le proteste fuori e dentro le strutture sanitarie, le dichiarazioni e le prese di posizione di coloro che dirigono la classe medica, le zuffe tra pubblico e privato e quindi dei loro “lavoratori” quotidiani alimentano sfiducia, rabbia e delusione. La politica, gli interessi di classe di appartenenza a quella o a quell’altra struttura non interessa a nessuno di quelli che affrontano la battaglia della vita ogni giorno che combattono la sofferenza quotidiana e che si augurano la migliore soluzione o quantomeno l’impegno più giusto o una doverosa serenità di solidarietà al proprio problema di salute. Alcuni problemi, crediamo, vadano sollevati e ricomposti con l’opportuno compromesso silenziosamente garbatamente in altre sedi, non con le lettere e con i comunicati stampa prendendosela addirittura con la stampa e i mass media che in maniera distorta e posizioni parziali avrebbero creato disorientamenti e timori. Niente di tutto questo, a ognuno il suo ruolo, la sua responsabilità di giudizio e di equilibrio verso quello che fa, verso il prossimo attraverso un lavoro nobile che non eguali per gli scopi che dovrebbero essere conseguiti. Quanto abbiamo assistito in questi giorni ci rammarica e ci rattrista. Una lettera prima della presidente dell’Ordine dei Medici della Provincia di Campobasso e poi la risposta dei medici della Cattolica per quanto ci riguarda è inaccettabile e per niente condivisibile. Il clima di risentimenti quasi di accanimento verso tutti, la rincorsa a evidenziare le colpe degli altri in un contesto dove le responsabilità sono di ognuno non è ammissibile. Quanto succede poi all’interno dell’Ordine dei medici, come accenna la De Vincenzo, costretto a dirimere controversie e polemiche tra operatori a volte pretestuose e strumentalizzate per ragioni legate alla gestione della sanità sono problemi della categoria che non possono essere riversate, sebbene indirettamente con l’informazione, su un tessuto sociale o di un contesto di pazienti che hanno già di loro da pagare con una serie di criticità assurde interne e interne agli ospedali e agli ambulatori. Queste  perenni e costanti insoddisfazioni e frustrazioni non fanno bene in un percorso professionale quotidiano che dovrebbe avere ben altra sensibilità a approccio. Il disorientamento del cittadino che non ci capisce più nulla di fronte a esternazioni e a tanta rabbia a questo punto diventa un’ altra patologia. I medici del pubblico da una parte e i privati dall’altra, ma quale considerazione dobbiamo farci di quanto!  Ora se le cantano scrivendosi lettere. Medici della Cattolica risentiti soprattutto sulla posizione del loro Ordine sull’integrazione Cattolica Cardarelli rispondono:<Come prima cosa siamo convinti che, qualora si fosse ritenuto opportuno esprimersi in merito, sarebbe stato necessario farlo in un’assemblea ufficiale o in un altro organismo deliberativo. Entrando nel merito della questione, dal momento che nei vari interventi è emersa chiaramente una posizione contro la Fondazione Giovanni Paolo II, in quanto struttura privata e quindi “profit”, è necessario ribadire che la Fondazione non è una struttura “improntata al profitto”> Ribadendo pertanto che la Cattolica ha realizzato investimenti in strutture tecnologicamente avanzate per un’assistenza di qualità  e che la scelta di erogare prestazioni nel campo dell’oncologia è stata fatta per rispondere alle esigenze dei Molisani, i medici della Fondazione puntualizzano che <l’Ordine dei medici non dovrebbe essere un organismo sindacale e politico e invece certe posizioni espresse manifestano una chiara intenzione di tutelare esclusivamente i colleghi che lavorano nelle strutture pubbliche, evitando accuratamente di far riferimento alle professionalità presenti nel nostro Centro>. L’invito è quello perciò di vigilare<su affermazioni improprie ed inopportune espresse da alcuni colleghi, sia del pubblico che di strutture private, che con superficialità hanno manifestato gravi giudizi sull’operato di validi professionisti.  Invitiamo, altresì, l’Ordine a farsi promotore di azioni orientate a ristabilire la correttezza dei rapporti professionali, assumendo il ruolo Istituzionale che gli è proprio. L’inasprirsi dei rapporti tra colleghi danneggia principalmente i pazienti che inevitabilmente vengono coinvolti>. Uno spaccato che non fa onore a nessuno in un momento di grave disagio sociale e di profondo disorientamento sanitario dove i cittadini sono quelli che più di tutti sopportano situazioni di estrema sopportazione soprattutto coloro che combattono ogni giorno con patologie drammatiche, implacabili.                                          Aldo Ciaramella 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone di caprio
colacem
panettone artigianele natale di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
Futuro Molise

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio
Futuro Molise
colacem
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: