POSTE – Il Molise teme altri tagli e ridimensionamenti

Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
mama caffè bar venafro
vaccino salva vita
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

CAMPOBASSO –  Poste italiane, presente e futuro in Italia e in Molise. Un tema che è stato a centro del coordinamento Slp Cisl  riunitosi il 20 aprile nella sala Vitale in Via Ziccardi a Campobasso. L’assemblea dei Postali della Cisl Molise , dopo aver fortemente condiviso la relazione del Segretario interregionale Antonio D’Alessandro ha espresso forte preoccupazione sui mancati impegni e garanzie presentati dal Governo e dall’amministratore delegato in occasione della quotazione in borsa di circa il 40% di Poste Italiane: <La volontà espressa negli ultimi giorni, dal Ministro dell’economia e dall’amministratore delegato di Poste italiane, di collocare sul mercato un’altra quota del 35% del capitale, per necessità di cassa del Governo, prefigurerebbe – afferma D’Alessandro – uno scenario desolante: lo Stato e la Società rinuncerebbero al controllo dell’azienda e alla socialità del servizio a danno dei cittadini, dei comuni, delle comunità e della collettività, creando i presupposti per far venir meno l’unicità aziendale. Il futuro di Poste, l’azienda più grande del Paese per numero di lavoratori presenti seguirebbe quello di altre aziende e, per favorire interessi finanziari, verrà “spacchettata” con pesanti ripercussioni per i lavoratori e per le loro famiglie. Proseguire con la vendita di quote di Poste – continua il segretario interregionale del Molise –  in presenza di un attivo di bilancio di 550ml, rappresenterebbe un fallimento per il nostro Paese e ci sarebbero migliaia di esuberi da gestire con costi che saranno scaricati sulle collettività, con l’impossibilità di una vera ripresa e la creazione di nuovi posti di lavoro attraverso lo sviluppo, possibile e realizzabile, delle attività Finanziarie e di quelle nella Logista, Pacchi e Servizi Postali>. Di fronte a questa situazione che prefigurerebbe forti tagli e ridimensionamenti anche per il Molise, Antonio D’Alessandro conclude :<che il gruppo dirigente della CISL Poste, con schiena dritta e testa alta intraprenderà ogni iniziativa a tutela degli associati e a garanzia di un’azione politica tesa a salvaguardare e a evitare dette ipotesi, promuovendo un percorso informativo in categoria, a tutti i livelli dell’organizzazione, utili e necessarie per contrastare l’azione politica del Governo e il mancato rispetto di quanto previsto dal Piano d’Impresa di Poste e dagli accordi sottoscritti con il Sindacato, facendo venire meno le condizioni per proseguire l’attività relazionale per le riorganizzazioni in atto>.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
error: