SANITA’ – Forum e comitati pronti alla “marcia” su Campobasso

pasta La Molisana
eventi tenuta santa cristina venafro
Smaltimenti Sud
faga gioielli venafro isernia cassino
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
Maison Du Café Venafro
ristorante il monsignore venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

CAMPOBASSOIl Forum per la difesa della Sanità Pubblica continua, senza sosta, insieme ai sindacati (in primo luogo la FIOM CGIL) la sua attività di sensibilizzazione e mobilitazione  per la Manifestazione Regionale del 18 Maggio, prevista a Campobasso.
“Per l’ennesima volta – scrivono dal Forum – e come accade ormai da troppi anni, il Piano di riordino sanitario e di rientro  dal debito, presentato dal commissario Frattura, non è stato approvato dal Tavolo Tecnico Romano, a cui siedono il Ministero della salute e quello dell’Economia.
E’ ancora tutto da spiegare e dimostrare con dati certi, il risparmio che deriverebbe dalla integrazione tra l’Ospedale Cardarelli e la Fondazione Giovanni Paolo II in
un Ospedale Unico, nonché l’effettiva volontà del Rettorato di accettare la proposta alle condizioni date.
Ma è da dimostrare, soprattutto, che il popolo molisano veda soddisfatti i propri bisogni di salute e di cure in un Piano di riordino ispirato alla salvaguardia degli  interessi dei privati invece che al rafforzamento e al risanamento della Sanità Pubblica, che deve garantire in modo ottimale i Livelli Essenziali di assistenza.
Il luogo democraticamente deputato a riflettere la volontà popolare – affermano ancora dal forum –  è il Consiglio regionale, che istituzionalmente  rivendica il suo diritto democratico (e non populistico) ad essere informato e a discutere la “nuova” proposta di Piano di riordino. Il pareggio di Bilancio certificato per l’anno 2015, sbandierato come una vittoria – commentano – è stato realizzato a prezzo dell’ulteriore degrado dell’offerta sanitaria pubblica: mancati investimenti in edilizia e apparecchiature sanitarie, ulteriore diminuzione del personale, chiusura di reparti senza prima riconvertirli in medicina territoriale, insostenibilità dei ritmi di lavoro da parte del personale sanitario, aumento delle difficoltà per i pazienti“.
Dello stesso parere Lucio Pastore, candidato sindaco per la Città di Isernia e promotore del Comitato Bene Comune Veneziale.
Il governatore si vanta di aver raggiunto il pareggio di bilancio in sanità per il 2015? Ma lo vede lo sfacelo del sistema che ha determinato  – commenta -senza toccare gli interessi del privato convenzionato o delle clientele più potenti? Abbiamo difficoltà a rispondere alle esigenze dell’utenza, non c’è personale, almeno nelle strutture che non hanno protezioni clientelari, non ci sono posti letto disponibili, le liste di attesa sono infinite ed il governatore si vanta degli ottimi risultati. Lo so che il fine è quello di spostare progressivamente tutto verso i privati convenzionati e distruggere il pubblico. Per lui, è un ottimo risultato. Sarà sicuramente ricompensato per questo.
Se poi i cittadini hanno compreso che stanno perdendo il diritto alla salute, che questa Regione, sotto questa infausta e deleteria guida, ancora peggio di quella precedente che era pessima, sta morendo, forse è arrivato il momento di reagire. L’occasione verrà a maggio con la marcia di Campobasso. Cerchiamo di non perderla o non facciamo più finta di lamentarci.  Il destino, alcune volte, lo determiniamo tutti noi – conclude – con i nostri comportamenti“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone artigianele natale di caprio
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: