CRONACA – Usura. Tassi di interesse fino al 90%, ai domiciliari 49enne rom

eventi tenuta santa cristina venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
ristorante il monsignore venafro
Smaltimenti Sud
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
Maison Du Café Venafro
pasta La Molisana

ISERNIA – Il lupo perde il pelo, ma non il vizio. E’ questo il caso di G.S. 49 enne, di origini rom, residente a Isernia. Già condannato anni fa, con sentenza definitiva, per precedenti specifici in materia di usura, l’uomo è finito, ancora una volta, agli arresti domiciliari per lo stesso reato.
A dare esecuzione alla misura cautelare, emessa dal GIP del Tribunale di Isernia Elena Quaranta, sono stati questa mattina i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Isernia, sotto la direzione del procuratore della Repubblica, Paolo Albano.
Il provvedimento si è reso necessario per “rischio di inquinamento delle prove”. L’uomo, infatti, stava cercando di istruire le proprie vittime su cosa dire agli inquirenti in caso di eventuali domande sulla vicenda.
Un’indagine stimolante e lunga“, così il comandante del Nucleo Operativo Radiomobile Domenico Signa ha definito, in conferenza stampa, il “lavoro silenzioso e certosino” dei suoi uomini che, per circa 9 mesi, hanno dedicato anche 24 ore su 24 all’indagine.
Partita nell’agosto del 2015, a seguito della denuncia di una delle vittime: un uomo della provincia di Campobasso che, dopo aver perso il lavoro, si è visto costretto a rivolgersi all’usuraio per far fronte alle spese quotidiane della sua famiglia.
Stanco della pressione psicologica, dei ricatti, del grave debito contratto e delle continue richieste di denaro, che andavano avanti ormai da anni, il campobassano ha deciso di raccontare tutto e, messo da parte il senso di vergogna e di paura, si è rivolto ai carabinieri.
Da lì è partita la sofisticata inchiesta, che ha visto un’articolata attività tecnica, fatta di intercettazioni telefoniche ed ambientali, anche all’interno dell’abitazione del rom.
I carabinieri, con un escamotage, sono riusciti a piazzare anche una cimice nel salotto dell’aguzzino, proprio nella stanza in cui riceveva le sue vittime. Tre quelle accertate, ma gli inquirenti non escludono che fossero molte di più. I tre, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, erano costretti a versare tassi di interesse del 20% mensile, pari al 90% su base annua.
Durante la perquisizione dell’abitazione sono stati rinvenuti e posti sotto sequestro numerosi titoli, cambiali e assegni di conto corrente firmati dai titolari, alcuni dei quali in bianco, per un importo totale di circa 50 mila euro.
Si tratta di un reato difficilissimo da dimostrare – ha continuato il ten. Signa – perché si innesca nella vittima una forte sudditanza psicologica, in pochi trovano il coraggio di denunciare.
Diversamente dal passato, quando a cadere nella rete degli usurai erano piccoli e medi imprenditori che non riuscivano più ad accedere ai canali ufficiali del credito, questa volta la vittima è il vicino di casa, il cittadino comune che, in questo periodo di crisi, si ritrova senza lavoro e senza busta paga, ed è costretto ad appoggiarsi a questi aguzzini”.
Intanto le indagini proseguono per accertare se altre persone si siano rivolte all’usuraio per ottenere prestiti.

I particolari dell’operazione sono stati illustrati nel corso di una  conferenza stampa, indetta presso il Comando Provinciale di Ponte san Leonardo, alla presenza del comandante provinciale Marco Cuccuini, del maggiore Salvatore Vitiello e dello stesso Signa che, in più occasioni, hanno chiesto di “fidarsi delle Istituzioni e denunciare tali episodi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
colacem
panettone artigianele natale di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
colacem
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: