WELLNESS – Prova del saluto, l’allenamento per i muscoli tricipiti brachiali

Maison Du Café Venafro
eventi tenuta santa cristina venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
ristorante il monsignore venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

SPORT – Le donne e gli uomini in misura diversa quando cominciano un percorso d’allenamento focalizzano l’attenzione su alcuni punti critici. Uno di questi e sicuramente la regione posteriore delle braccia. Che per le donne molto spesso è motivo di un fastidioso inestetismo (la famosissima bandiera rappresentata da una pelle molle che penzola verso il basso) e per gli uomini invece dovrebbe essere abbastanza grande da sembrare forte e allo stesso tempo ben visibile.
Partiamo dalle basi anatomiche e vediamo come poter arrivare ad avere Tricipiti Brachiali (nome dei muscoli della parte posteriore del braccio) grossi al punto giusto, ben definiti e soprattutto eliminare l’inestetismo della pelle penzoloni al momento del saluto.
Il tricipite brachiale è costituito da TRE VENTRI MUSCOLARI (medio, lungo e laterale) che hanno origini diverse, ma inserzione in comune con un tendine che si fissa sulla parte terminale dell’ulna e del gomito. La sua azione principale è quella di estendere l’avambraccio. Dunque andremo a lavorare principalmente sulla estensione dell’avambraccio stesso in fase d’allenamento. Per stimolare in maniera diversa i tre ventri muscolari assumeremo posizioni diverse nell’esecuzione dell’esercizio (braccia alte o braccia basse). Essendo un muscolo caratterizzato da una alta percentuale di fibre bianche (forti ed esplosive) gli esercizi migliori saranno quelli con alto carico e brevi ripetizioni (forza-ipertrofica).
Descritto anatomicamente il muscolo tricipite andiamo a vedere alcuni consigli nello specifico per renderli migliori:
– Cura l’alimentazione per rimuovere il pannicolo di grasso accumulato nella regione posteriore delle braccia;
– Bevi per non incorrere nel fenomeno della ritenzione idrica che attanaglia spesso anche questa zona;
– Allena regolarmente questo segmento corporeo con esercizi aspecifici e specifici;
– Esempio di allenamento per i tricipiti: 4x 10 piegamenti sulle braccia, 3 x 8 french press seduto, 4 x 10 dip alla panca, 3 x 8 panca piana presa stretta;
– Allena il tricipite con un carico sufficientemente alto e ripetizioni basse.
Piccoli e utili consigli che, una base anatomica alle spalle, possono risultare fondamentali per lo sviluppo armonioso della muscolatura del retro braccio.
Addio inestetismi con il giusto allenamento, addio a braccia troppo esili per chi vuole un corpo più tonico. Il tricipite si allena con la testa, non solo con i pesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
Futuro Molise
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone di caprio
colacem
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone artigianele natale di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone di caprio
colacem
venafro farmaciadelcorso glutenfree
Futuro Molise

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: